Chilijchi Uchu Cocinando con una flor (Flores de ceibo)

Cooking, Cuisine, Dining, Gastronomía, gastronomy, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

00011-r

Ingredientes:

  • 1 kilo y medio de chilijchi
  • ½ taza de ají rojo molido
  • 4 tazas de caldo de res
  • 3 dientes de ajo pelados y molidos
  • 2 cebollas peladas y picadas en cuadraditos
  • 3 cucharas de aceite
  • 1 kilo de papas pequeñas peladas
  • Sal a gusto
  • 1 cuchara de perejil picado fino

000111

Preparación:

  1. Sacar el cogollito tierno del centro de la flor de chilijchi (Flores de ceibo).
  2. Poner al fuego una cacerola con agua y el chilijchi.
  3. Dejar hervir un momento. Escurrir luego el agua.
  4. Repetir este procedimiento 4 veces, esto para quitar el sabor amargo que pueda tener la flor.
  5. Calentar el aceite en la sartén, freír la cebolla con el ajo hasta que estén dorados.
  6. Agregar el ají, seguir friendo un poco.
  7. Vaciar en una olla el ahogado, la papa, el caldo.Hacer cocer hasta que la papa esté suave moviendo continuamente y dejando reducir el caldo.
  8. Añadir a el chilijchi la sal, dejar cocer 5 minutos y retirar del fuego.
  9. Servir decorado con perejil.

Opinion.com.bo



Erythrina crista-galli, ceibo, es un árbol de la subfamilia Faboideae originario de  Sudamérica.

ceibo

Nombre científico:

L. Erithrina crista-galli

Otros nombres: 

Español. Ceibo, Seíbo, Arbol de coral, Cresta de gallo, Flor de coral, Gallito, Pico de gallo, Piñón francés de Cuba.
Catalan. Arbre del coral.
Aimara. Chilijchi.
Quechua. Cuñuri.
Portugués. Sananduva, Corticeira.

Distribución:

Argentina  noreste y centro este, al este de Bolivia, el sur de Brasil, gran parte de Paraguay, y casi todo Uruguay.

Descripción Botánica:

Pertenece a la familia de las papilionáceas leguminosas, de la subfamilia Faboideae.

Parte Utilizada:

Flores. Las flores son comestibles y son un buen alimento, por la cantidad de hierro que contienen y son muy apreciada por los pueblos originarios y de ellas también se obtiene un colorante rojo usado para teñir tejidos.

Corteza. Se fabrican boyas para la pesca y se utiliza como medicamento.

Madera. De características blanda y liviana, se ha usado para fabricar balsas, ruedas, aparatos ortopédicos y se le utiliza para fabrica el casco de los bombos legüeros.

Propiedades medicinales:

Antiinflamatorio, analgésico, cicatrizante y narcótico.

Usos en medicina tradicional: ( su consumo debe ser con prudencia en las aplicaciones con fines curativos, consultar previamente a un médico).

5 de estas flores para una tasa en infusión, se toman contra las anemias para aumentar la sangre, se debe tomar cada mañana durante 15 días.

La misma infusión sirve para curar las diarreas, dando a tomar cada que el enfermo tenga sed.

La corteza del árbol del tamaño de la palma de una mano adulta, se hierve por espacio de media hora, se emplea como astringente en baños de asiento.

En baños de vapor para dolores reumáticos. La misma fórmula.

La decocción de las hojas se bebe como sedante.

Contiene el alcaloide erythrina, que es un enérgico calmante del sistema nervioso con propiedades narcóticas y sedativas.

Erythrina crista-galli

 

Tagliatelle De Castañas Con Camarones Y Hongos Porcini

Cooking, Cuisine, Gastronomía, Kitchen, Recetas, Recipes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

t.jpg

Simple pero de gran impacto visual y equilibrado al paladar es una receta nacida a finales de los 70 y 80 que muestra la actualidad de Angelo Paracucchi un Chef que a justo titulo es considerado entre los padres nobles de la Nueva Cocina Italiana.

Ingredienti per 4 persone:

  • 350 g de harina de castaña
  • 200 g de harina “0”
  • 2 huevos
  •  agua lo que sea suficiente
  • 10 camarones medianos
  • 4 setas porcini medianas
  • 5 dientes de ajo
  • 2 dl de aceite de oliva extra virgen
  • perejil picado
  • 2 tomates frescos cortados en dados
  • aceite infusionado al ajo
  • 60 g de mantequilla
  • medio vaso de vino blanco seco
  • sal y pimienta

Preparación:

Amase las dos harinas con los huevos y el agua y córtela en tagliatelle y déjelas descansar durante 20 minutos.

Limpiar y cortar los hongos porcini  en fetas finas y dorarlos en una cacerola grande con los dientes de ajo y un poco de aceite a fuego fuerte durante 3/4 minutos, sazonar con sal y pimienta y retirar del fuego.

Limpia y pelar los camarones retira el tracto digestivo y córtalos en pequeños trozos.

En una sartén antiadherente poner dos cucharadas de aceite, calentar bien y poner los trozos de gambas, sazonar con sal y pimienta y saltear a fuego fuerte y mojar con el vino y dejarlo que se evapore, añadir los hongos a las gambas.

Cocinar la pasta al dente en abundante agua salada y a continuación se coloca en el sartén con las gambas y las setas y se cuece durante unos minutos se rehoga y se sazona bien se añaden los cubitos de tomate el perejil picado y ya fuera del fuego la mantequilla y unas gotas del aceite infusionado al ajo se remueve bien y se sirve inmediatamente.

 

Biografia Angelo Paracucchi

Comida Japonesa.

Cooking, Cuisine, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

1

Algunos de los diversos tipos de nigirizushi, en el que lonchas de pescado crudo, marisco y otros ingredientes se colocan encima de porciones de arroz con vinagre a las que se da forma con la mano.

Se pone un pequeño toque de wasabi (rábano picante japonés) entre el arroz y el ingrediente que se coloca encima. (Foto cortesía de AFLO)

2

“Osechi” es la comida tradicional japonesa de Año Nuevo.

3

Comida de posada japonesa.

Las posadas japonesas (ryokan) de alta categoría sirven generalmente espléndidas comidas con diversos menús de estilo kaiseki, como la que se muestra aquí. (Foto cortesía de AFLO)

La cultura gastronómica japonesa basada en el arroz se desarrolló a partir de la introducción desde Asia del cultivo de arroz de regadío hace más de 2.000 años.

La tradición de servir el arroz con verduras del tiempo y pescado, u otros productos del mar, evolucionó hasta llegar a una forma altamente sofisticada en el periodo Edo (1603–1868), y permanece como la brillante esencia de la cocina típicamente japonesa.

Sin embargo, en el siglo y medio transcurrido desde que el país se volvió a abrir a Occidente, Japón ha desarrollado una increíblemente rica y variada gastronomía que abarca no sólo la originaria cocina japonesa sino también muchos platos foráneos, algunos adaptados al gusto japonés y otros asimilados más o menos sin cambios.

La delicada cocina japonesa que se expresa la belleza de la naturaleza y el cambio estacional, aprovechando las características de los diversos y frescos productos alimenticios, ha enriquecido la cultura alimentaria de los japoneses al relacionarse estrechamente con los acontecimientos anuales. En 2013, (la cocina japonesa “washoku”, la cultura alimentaria tradicional de Japón, como ejemplo, en particular, la celebración del año nuevo) están registrados en el patrimonio cultural inmaterial de la UNESCO como una costumbre social importante que deben ser heredados.

Orígenes

En los siglos que siguieron a la introducción del budismo en Japón en el siglo VI, leyes y edictos imperiales hicieron desaparecer gradualmente el consumo de carnes de animales y aves. El estilo culinario vegetariano conocido como shojin ryori fue popularizado posteriormente por la secta zen, y ya por el siglo XV hicieron su aparición muchos de los alimentos e ingredientes de cocina utilizados hoy en día por los japoneses, por ejemplo la salsa de soja (shoyu), el miso, el tofu y otros productos a base de soja.

Por esa misma época se desarrolló un tipo de cocina para banquetes muy formal y elaborada, que tenía su origen en la cocina de la aristocracia cortesana. Con el nombre de honzen ryori, es uno de los tres estilos básicos de cocina japonesa, junto con chakaiseki ryori (la cocina que se sirve en la ceremonia del té) y kaiseki ryori.

Poniendo el énfasis en la presentación artística de ingredientes frescos de temporada, la comida que se sirve en la ceremonia del té une las formalidades del honzen ryori al espíritu de frugalidad del zen.

Kaiseki ryori alcanzó su forma actual a principios del siglo XIX y continúa sirviéndose en los restaurantes japoneses de primera categoría conocidos como ryotei, y en las posadas tradicionales japonesas.

Al mismo tiempo que mantienen los ingredientes frescos de temporada y su original presentación al estilo antiguo, las comidas de kaiseki tienen menos reglas de etiqueta y un ambiente más relajado.

Durante la comida se bebe sake, y, como generalmente el japonés no come arroz mientras bebe sake el arroz se sirve al final. Se sirven primero aperitivos, sashimi (lonchas de pescado crudo), suimono (sopa ligera), yakimono (comidas asadas), mushimono (comidas al vapor), nimono (comidas hervidas) y aemono (comidas aliñadas como ensalada), seguidos de una sopa de miso, tsukemono (encurtidos), arroz, dulces japoneses y fruta.

El té pone fin a la comida.

Aunque la mayoría de los japoneses tienen pocas oportunidades de disfrutar de una cena completa de kaiseki, los tipos de platos y su orden son la base de la comida actual japonesa en su totalidad.

El sushi que la mayoría de la gente conoce hoy en día es arroz con vinagre coronado o combinado con pescado crudo o marisco y se desarrolló en Edo (la actual ciudad de Tokio) a principios del siglo XIX.

El sushi de aquel tiempo se vendía en tenderetes como aperitivo, y estos tenderetes son los precursores de los actuales restaurantes de sushi.

Importaciones asimiladas.

La primera apertura directa y de importancia de Japón a Occidente se produjo con la llegada de misioneros europeos en la segunda mitad del siglo XVI.

En ese momento, la combinación de las formas de freír española y portuguesa con el método chino de cocinar las verduras en aceite, llevó al desarrollo del tempura, el popular plato japonés en el que el marisco y diferentes tipos de verduras se rebozan y fríen en abundante aceite.

Con la reapertura de Japón a Occidente a mediados del siglo XIX, se introdujeron muchas nuevas costumbres de cocinar y comer, la más importante es el consumo de carne.

Aunque hoy día se considera un plato japonés, el sukiyaki de carne de vacuno, verduras, tofu y otros ingredientes cocinados en la mesa en un caldo de salsa de soja, mirin (sake dulce) y azúcar, era al principio servido en los restaurantes de “estilo occidental”.

Otro popular plato nacional desarrollado en este periodo es el tonkatsu, chuletas de cerdo empanadas. Ideado a principios del siglo XX y elaborado a base de curry en polvo importado de la India a través de Inglaterra, el arroz japonés con curry (kareraisu) se ha convertido en un plato popular, contiene verduras y carne o marisco en una salsa ligera de curry que es vertida sobre el arroz.

La comida actual.

La selección de ingredientes disponibles en los supermercados y otras tiendas de alimentación en todo Japón, salvo en los más apartados distritos rurales, es tan variada que cualquier día una cena casera puede estar compuesta de una increíble variedad de platos de diferentes países de origen.

Con todo, la comida de origen nacional sigue siendo la norma, y una “comida japonesa” en casa se compondrá generalmente de arroz blanco, sopa de miso y encurtidos tsukemono.

Los múltiples platos que pueden acompañar a estos tres varían considerablemente según la región, la época del año y las preferencias familiares, pero entre las posibilidades se incluyen las verduras cocinadas, tofu, pescado asado, sashimi, y ternera, cerdo o pollo cocinados de diferentes formas.

Las alternativas más habituales al menú tradicional japonés son los platos de carne y verduras salteadas al estilo chino, y el vacuno y cerdo a la plancha al estilo coreano.

Los cocineros más audaces pueden poner a prueba su habilidad con platos estadounidenses, franceses, italianos y de otras gastronomías.

Entre las alternativas preferidas especialmente por los niños están los espaguetis, las hamburguesas y el arroz con curry mencionado anteriormente.

Mientras muchas familias siguen comiendo comida hecha en casa cada noche, el cambio principal que se ha producido en los hábitos alimenticios en las últimas décadas ha sido la sustitución de los platos caseros por la comida preparada fuera de casa.

Sushi, platos de tallarines chinos o japoneses y comidas servidas en fiambreras al estilo japonés (bento) están disponibles desde hace tiempo a través de la entrega a domicilio (demae) en pueblos y ciudades, y ahora se pueden pedir también pizzas y muchos otros platos.

Además, los supermercados tienen muchos platos preparados, tales como sushi, tempura y pollo frito, para llevar y consumirlos en casa, y las tiendas de conveniencia pueden encontrarse en cualquier lugar de Japón, salvo en las zonas más remotas, lo que hace que haya disponible para casi todo el mundo una gran variedad de platos precocinados al estilo de la comida de bento.

Cenar fuera.

La más famosa contribución japonesa a la gastronomía mundial, el sushi, se consume generalmente en los restaurantes de sushi, donde los clientes se sientan en la barra y hacen sus pedidos, uno a uno, al chef de sushi.

También hay cadenas muy populares de restaurantes de sushi con cintas transportadoras, donde se pueden recoger pequeños platos con dos piezas de sushi transportados por una cinta que pasa por el mostrador delante de los clientes, o pedir un encargo especial si no se ve nada que guste en la cinta.

A diferencia de los restaurantes japoneses en el extranjero, que suelen tener una carta con distintos tipos de comidas japonesas, los restaurantes en Japón normalmente están especializados en un solo tipo de comida, tal como sushi, tempura, shabushabu (finas lonchas de vacuno cocinadas en la mesa sumergiéndolas dentro de un caldo caliente), sukiyaki, unagi (anguila asada), tallarines de soba y udon, etc.

La principal excepción a la regla de la especialización son las cadenas de restaurantes familiares, que normalmente sirven una serie de platos japoneses, occidentales y chinos.

Dos tipos de restaurantes que se encuentran por todo Japón en abundancia, pero que no son considerados oriundos de Japón, son los restaurantes de ramen y yakiniku.

Los restaurantes de ramen sirven generosas raciones de tallarines de ramen al estilo chino en grandes cuencos con caldo (sazonados con salsa de soja, miso, sal, etc.) y lonchas de cerdo asado y varias verduras (brotes de soja, cebolleta, etc.), y mucha gente pide también gyoza (empanadilla china) para acompañar su ramen.

En los restaurantes de yakiniku, que se basan en la barbacoa de estilo coreano, los clientes cocinan en sus mesas pequeños trozos de vacuno, de otras carnes y de verduras, sobre parrillas de carbón o gas.

Las principales ciudades también tienen un considerable número de restaurantes de otras cocinas extranjeras, que ofrecen comida francesa, italiana, hindú, china, coreana y de otros lugares, y en Tokio se encuentra una casi ilimitada variedad de comidas de todo el mundo.

En el polo opuesto en cuanto a precios, de los elegantes restaurantes de kaiseki ryotei y de cocina francesa están los puestos de comida, que son todavía una imagen familiar en algunos distritos urbanos y en festivales y otras celebraciones al aire libre donde se reúne mucha gente. Algunos de los más populares de estos puestos son los que sirven yakisoba (tallarines de soba fritos), yakitori (brochetas con trozos de pollo a la parrilla), okonomiyaki (tortas de verduras y una variedad de otros ingredientes), salchichas y patatas horneadas con mantequilla.

Intercambios culturales culinarios.

Como se ha dicho antes, Japón ha sido un activo importador de cocina extranjera durante más de cien años, pero durante la mayoría de este tiempo ha habido poco movimiento en la otra dirección.

Durante las dos últimas décadas, sin embargo, el aumento de la importancia dada a una dieta saludable, para mantener una buena salud en general, ha contribuido a una expansión sin precedentes de la comida japonesa en el extranjero, con un inusitado aumento del número de restaurantes japoneses en las principales ciudades de todo el mundo.

La mayoría de los restaurantes japoneses en el extranjero sirven sushi, y muchos también ofrecen una variedad de otras especialidades como tempura. El número de restaurantes especializados en platos de precios económicos como los tallarines de ramen y de soba también está en aumento.

De acuerdo con una estadística de noviembre de 2012 por parte del Ministerio de Agricultura, Forestación y Pesca, hay alrededor de 30.000 restaurantes japoneses que están operando en el exterior, unos 14.000 en América del Norte, unos 10.000 en Asia y unos 2.500 en Europa. La gente extranjera ha desarrollado la imagen de que la comida japonesa es “sana”, “bien equilibrada” y “sabrosa”.

El número total de restaurantes japoneses en Estados Unidos se dice que ha crecido en un 250% en los últimos 10 años, y el número en Gran Bretaña en un 300% en los últimos 5 años. Según las estadísticas del MAFF, menos del 10% de los propietarios de todos los restaurantes japoneses son de origen japonés.

Muchos de los restaurantes establecidos en centros comerciales por todo Estados Unidos sirven sushi, pero sus otras especialidades generalmente se acercan más al tipo de platos salteados de estilo chino que a la genuina comida japonesa.

4

Soba

Conocido como zaru soba, el plato de soba frío que se muestra aquí se consume sumergiendo primero los largos tallarines en una salsa a la que se añade normalmente wasabi (rábano picante japonés) y cebolleta. (Foto cortesía de AFLO)

Por su escaso uso de aceite y contenido graso, la comida japonesa se está haciendo popular en el mundo gracias a la tendencia al cuidado de la salud. Los restaurantes de comida japonesa ya no se limitan simplemente al tradicional sushi o a las elegantes comidas completas.

Los chefs extranjeros adoptan, por ejemplo, condimentos japoneses tales como salsa de soja, pasta de soja fermentada o limón japonés para las comidas de ese país a fin de otorgarles un toque de sabor japonés.

Para ofrecer a los jóvenes cocineros franceses y japoneses la oportunidad de aprender los unos de los otros, y ayudar a los chefs franceses a que aprendan y se perfeccionen en las especialidades de la cocina japonesa, tal y como se prepara en Japón, desde 2005 la Academia de Gastronomía Japonesa viene celebrando en Kioto y Osaka los Cursos Culinarios Japoneses.

Mientras estudian en las cocinas de restaurantes de primera categoría de Kioto, los chefs franceses visitantes tienen también la oportunidad de relacionarse con muchos aspectos culinarios de la cultura tradicional japonesa.

5

Comida japonesa.

La cocina tradicional japonesa se centra en el alimento básico del arroz, que se sirve con productos como la sopa de miso, pescado, hijiki (algas), hiyayakko (tofu frío), tamagoyaki (tortilla japonesa), natto (soja fermentada) y tsukemono (hortalizas adobadas).

La cocina en la televisión y el manga.

Además de exportar su cocina al mundo, Japón también ha exportado su programa más popular de cocina, Iron Chef. En este programa, que discurrió como una serie en Japón desde 1993 a 1999, cocineros de Japón y el extranjero retaban a los “Iron Chefs” titulares del programa a “combates” culinarios. Ryori no tetsujin, como era conocido en Japón Iron Chef, era sólo uno de la larga lista de programas centrados en temas de cocina y alimentación de la televisión japonesa.

También ha habido una gran cantidad de manga (cómic japonés) dedicado a temas alimenticios y culinarios, y algunos de estos manga han sido llevados a la televisión en series de dibujos animados.

Capeletis salsa caruso.

Capeletis salsa caruso, Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

luis-perrone-5

La Receta de la Salsa Caruso.

 

Ingredientes:

100 nl. De vino blanco seco.

50 gr. De manteca (mantequilla).

200 gr. De champignones.

1      Cebolla.

500 ml. De crema doble (Nata de leche).

150 gr. De jamón cosido en lonchas.

100 gr. De queso tipo Semiduro rallado.

30 gr. De extracto de carne.

Nuez moscada, sal, pimienta y perejil picado.

Preparación:

1- En una sartén grande, derretimos la mantequilla (manteca) y a fuego lento rehogamos las cebolla finamente cortada si colorear.

2- Y a fuego vivo añadimos los champiñones frescos en émincés y cuando estén dorados agregamos el jamón cosido cortado y dejamos caramelizar unos segundos, desglasamos con el vino blanco y reducimos a seco.

3- Agregamos la crema (Nata de leche) y el extracto de carne y reducimos siempre a fuego vivo hasta obtener una buena textura vellutada y aterciopelada, condimentamos.

4- Cocemos los cappelletti en abundante agua salada y los escurrimos al dente.

5- Los introducimos en el sartén junto a la salsa y los salteamos y a ultimo momento agregamos el queso rallado y volvemos a saltear enérgicamente espolvoreando con perejil finamente cortado y servimos subito!!!.

PDF: Receta de”Los Cappelletti a la Caruso”

a través de Los Cappelletti a la Salsa Caruso.

Au Matcha

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes

Au Matcha est une boutique qui propose à la fois un salon de thé, des pâtisseries mais aussi de l’artisanat Japonais. Misa, une Japonaise passionnée de cette délicieuse poudre de thé vert originaire de Nara, vous propose des roll-cake, des macarons ou des cake au matcha. Il y a bien entendu de très nombreux thés […] […]

a través de Au Matcha, 161 Rue Saint-Charles, 75015 Paris, France — — Ajo Negro

Fishcakes con Gremolata de Rúcula y Verduras Salteadas

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

"Cocinar en casa es rico, sano y te hace feliz". Silvia

fishcake3-baja

Este fue el almuerzo del domingo. Sano, fresco y liviano. Los Fishcakes son ni más ni menos que unas croquetas de pescado con forma de hamburguesitas, muy delicadas y sabrosas, las preparamos mezclando el puré de tres papas medianas con medio quilo de merluza pre-cocida en el micro para sacarle el agua. La condimentamos con ajo, perejil, un poco de salsa de chile y sal. Les damos forma y las rebozamos pasándolas por harina, huevo y pan rallado. Una vez listas las reservamos en heladera mientras se prepara el resto del plato.

Para acompañar los Fishcakes elegimos tres productos de estación que están a precio razonable, frescos y radiantes: zapallo, zanahoria y repollitos de bruselas. Los preparamos pasándolos unos 5 minutos por vapor y luego los salteamos con aceite de oliva, sal y pimienta. Quedan riquísimos!

La Gremolata es una salsa verde de origen italiano que acompaña carnes y pescados…

View original post 21 more words

Grelos!

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

"Cocinar en casa es rico, sano y te hace feliz". Silvia

guisado
FOTO: Silvia Pírez
Si señores hay Grelos*!
Están divinos y son una verdura de estación que vale la pena incluir en nuestros guisos, sopones o comerlos salteados con ajo y hasta acompañarlos con huevos revueltos y pan tostado. Nosotros esta semana los preparamos para acompañar un guiso de poroto de manteca, con carne de cerdo y morcilla vasca. Un plato completo e ideal para afrontar estos días de intenso frío.
* El grelo es una de las verduras típicas de la gastronomía gallega. Se recolecta cuando está tierno y antes de la floración. Es la base de platos tan conocidos y sabrosos como el caldo gallego o el lacón con grelos. El lacón son las patas delanteras del cerdo saladas y curadas. https://g.co/kgs/iiWeJ3

View original post

Tartare de Lomo – Entrada

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

"Cocinar en casa es rico, sano y te hace feliz". Silvia

ImagenFOTO: Ignacio González

Este plato tradicional francés, es carne cruda!

Si Uruguay tiene una de las mejores carnes del mundo, porqué no probar este plato?

La sugerimos como entrada y contiene básicamente, Lomo o corazón de cuadril vacuno magro, fresco y tierno, Cebolla, Alcaparras, Pimienta, Sal y Yema de Huevo (opcional). PASO A PASO. Molemos un trozo magro de carne, 150 grs. por persona aproximadamente y aparte preparamos LA SALSA con Aceite de Oliva, Mostaza Dijon, Salsa Inglesa o Worcestershire, Salsa Tabasco, Vinagre y Pimienta. Esta salsa puede prepararse en un bowl sobre hielo para mantenerla fría. Se mezclan todos los ingredientes de la salsa con la carne, agregamos la cebolla, las alcaparras, ajustamos sal y pimienta y servimos dandole forma con un molde a elección. Puede comerse con tostadas como un paté.

Sabemos que este plato no es tradición en Uruguay, pero nos dio curiosidad y queremos compartirlo, tenemos…

View original post 20 more words

Spicy Lemon and Cumin Chicken My Favourite Pastim

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

We have been eating lots of roast chicken lately. The main ingredient here is cumin. Please ensure that you buy cumin seeds, roast them and freshly grind them for better results and taste. I added some peas and carrots in the last ten minutes of baking. The weather in my small corner of the world […]

a través de Spicy Lemon and Cumin Chicken — My Favourite Pastime

Pasión, sabor y tradición presentes en el 3er. Festival Gourmet @BarceloMayaGR Gusto Buen Vivir

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Del 8 al 15 de septiembre, 11personalidades y artistas de la cocina deleitarán los paladares de locales y visitantes de la Riviera Maya La comida es el reflejo de la […] The post Pasión, sabor y tradición presentes en el 3er. Festival Gourmet @BarceloMayaGR appeared first on Gusto Buen Vivir.

a través de Pasión, sabor y tradición presentes en el 3er. Festival Gourmet @BarceloMayaGR — Gusto Buen Vivir

Tostaditas con Sardina, alcaparras y ajo. “Cocinar en casa es rico, sano y te hace feliz”. Silvia

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

En nuestra tierra le podemos llamar tostaditas, en Italia Bruschetas, en España Tapas, pero en todos lados son igualmente una solución rica y muy simple si no tenemos tiempo ni ganas de cocinar nada elaborado. Nosotros usamos un pan de campo que tostamos en horno suave con un poquito de aceite de oliva. Para darle […]

a través de Tostaditas con Sardina, alcaparras y ajo. — “Cocinar en casa es rico, sano y te hace feliz”. Silvia

La Cocina Rebelde! Pasta Casera el sábado.

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

"Cocinar en casa es rico, sano y te hace feliz". Silvia

Porque si. Porque nos place. Hoy hicimos pasta casera aunque sea sábado. Hace un tiempo ya estamos en la denodada búsqueda del Tortelín, ese tortelín que compraban nuestras madres en la fabrica de pastas del barrio, bueno, parece que se ha perdido. Por lo tanto decidimos intentar reproducirlo con nuestras propias manos, tal cual la memoria gustativa nos guía.

Imagen

Para 6 porciones.

Paso a paso de la Masa: hacer una corona de 360 grs. de Harina 0 ó 00 en la mesada, (120 grs. de harina por cada huevo), en el centro 3 huevos, una cucharadita de sal, 2 cucharadas de aceite de oliva, se mezcla bien hasta unir los ingredientes y se amasa hasta que quede bien elástica, se reserva 1/2 hora en el refrigerador. Luego de ese tiempo se estira y se corta con molde circular del tamaño deseado.

Para el Relleno los ingredientes son 300 gramos de pulpa…

View original post 157 more words

Curso de Mi-cuit organizado en mi txoko

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Foie Gras El Foie Gras en francés significa “hígado graso”. Es un producto que proviene del hígado hipertrofiado de un pato o un ganso. Que han sido sometidos a una alimentación natural o cebados c…

Origen: Curso de Mi-cuit organizado en mi txoko

Método HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point)

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

  Método HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point) Análisis de Riesgos y el Control de Puntos Crítico es un útil metodológico que permite un enfoque razonado de la gestión de la seguridad…

Origen: Método HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point)

PDF:HACCP (Hazard Analysis Critical Control Point)

Cortes de Bacalao Noruego tradicional

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante
Cortes de Bacalao Noruego tradicional
 

https://godfisk.azureedge.net/4aefe0/contentassets/a728966ffb354b1fb9744aa076d3b478/full_cortes-de-bacalao-noruego-tradicional.jpg?width=1160&height=667&transform=downFill

Aquí encontraras todos los cortes para hacer las recetas más sabrosas

 

 

Alas

Alas

Las alas del Bacalao Tradicional Noruego son jugosas y finas. Rebozadas y fritas con un buen aceite de oliva resultan exquisitas.

Cogote

Cogote

El cogote es una pieza muy sabrosa. Si la guisamos en una cazuela con las verduras que más nos gusten acertamos seguro.

Cola

Cola

El Bacalao Noruego guarda en su cola una carne deliciosa. Si la vamos a preparar a la plancha, quedará aún mejor si la troceamos para igualar el grosor y el tiempo de cocción.

Lomos

Lomos

Es una de las piezas más demandadas y con más prestigio del Bacalao Tradicional Noruego. Al ser la parte más gruesa, obtendremos un resultado espectacular si lo cocinamos al horno.

Migas

Migas

Unas aliadas secretas de la cocina de nuestras abuelas. Se desalan en menos tiempo por su menor grosor y ya están listas para lucirse en las recetas de siempre, como una tortilla de Bacalao Tradicional Noruego.

Tacos

Tacos

Esta parte del Bacalao Tradicional Noruego tiene la proporción justa de carne y piel. Ideal para todos los platos en los que la gelatina que suelta el Bacalao Tradicional Noruego es la base de la ligazón, desde un pil pil hasta un potaje.

 

http://mardenoruega.es/Academia-del-Pescado/T%C3%A9cnicas/Cortes-de-Bacalao-Noruego-tradicional

Skrei confitado con puré de guisantes, aceite de menta y emulsión de almendra by Hung Fai Norwegian Seafood Export Council Recipes

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

skrei-confitado-con-purc3a9-de-guisantes-aceite-de-menta-y-emulsic3b3n-de-almendra-by-hung-fai_top_regular

Una increible tapa de Skrei con toda la frescura de la huerta.

a través de Skrei confitado con puré de guisantes, aceite de menta y emulsión de almendra by Hung Fai — Norwegian Seafood Export Council – Recipes

Skrei al horno con su refrito de ajos by Domingo Urosa Norwegian Seafood Export Council Recipes

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

skrei-al-horno-con-su-refrito-de-ajos-by-domingo-urosa_top_regular

Todo el sabor del mar, hasta en el pan

a través de Skrei al horno con su refrito de ajos by Domingo Urosa — Norwegian Seafood Export Council – Recipes

Sashimi templado de Salmón Noruego con ajo y wakame by Fernando Sousa Norwegian Seafood Export Council – Recipes

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

sashimi-de-trucha-del-fiordo-con-ensalada-wakame_top_regular

Un sabroso sashimi de Salmón Noruego que puedes preparar también en casa

a través de Sashimi templado de Salmón Noruego con ajo y wakame by Fernando Sousa — Norwegian Seafood Export Council – Recipes

Salade de melon, jambon et gorgonzola — OurSweeTimes

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Une entrée rafraichissante qui sent bon le soleil d’Italie🙂 Ingrédients: – 2 melons – 200 g de parmesan en copeaux – 200 g de gorgonzola – 4 tranches de jambon de Parme – 50 g de pignons de pin – 2 cuillères à soupe huile d’olive – le jus d’1/2 citron Préparation: Couper les melons […]

a través de Salade de melon, jambon et gorgonzola — OurSweeTimes

“Banana Bread” Moelleux avec Sauce Tériyaki Noobox — Les Aventures Délicieusement Gourmandes

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Une petite recette de Pain aux Bananes bien moelleux pour les “addicts” de desserts simples mais avec sophistication… Ce pain aux bananes a une texture plus gâteau dense qu’un vrai “pain” aux bananes avec l’ajout de notre Sauce Tériayki Sucrée Noobox. Ne soyez pas sceptiques car vous serez conquis par sa texture sophistiquée! Assez délicieux […]

a través de “Banana Bread” Moelleux avec Sauce Tériyaki Noobox — Les Aventures Délicieusement Gourmandes

Salade de melon rôti et gambas — hungry pipelette

Cooking, Cuisine, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Du melon rôti et des big crevettes: une pseudo salade, vite fait, chic et légère! On fait comme si c’était l’été, d’accord? On oublie qu’il pleut dès qu’on lisse sa frange, qu’on a les tongs qui moisissent, et que ma copine Christine a remis des collants sous sa robe. Enfin, ça c’était avant-hier. Aujourd’hui, elle […]

a través de Salade de melon rôti et gambas — hungry pipelette

Encornets farcis aux légumes d’été et jambon de Bayonne — Les petits plats de Christopher

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Sin categoría

Voici une recette “Terre mer” qui régalera vos convives ! N’hésitez pas à demander à votre poissonnier préféré de préparer et nettoyer vos encornets. Ingrédients pour 4 personnes : 4 beaux encornets 4 tranches de jambon de Bayonne 100 g de riz cuit 1 courgette 1 aubergine 1 poivron rouge 1 poivron vert 1 gros […]

a través de Encornets farcis aux légumes d’été et jambon de Bayonne — Les petits plats de Christopher

Vinaigrette Thaï Pour Salade De Bœuf.

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Ingredientes: 150 gr Citronelle ciselée 150 gr Gingembre ciselée 150 gr Echalote ciselée ½ btl Oyster sauce 1/2 L Sauce de soja 1 L D’huile d’olive 1/2 L D’huile de sesamo   …

Origen: Vinaigrette Thaï Pour Salade De Bœuf.

PDF: Vinaigrette Thai Pour Salade De Boeuf

Salade Thaï Au Boeuf

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Yam Nua, la salade de boeuf originaire de Phuket ou salade de boeuf à la Thaï Temps de préparation : 30 minutes Pour huit personnes, si nécessaire ajuster l’ingrédient ou nom de convives en c…

Origen: Salade Thaï Au Boeuf

PDF Salade Thai Au Boeuf Yam Nua

Délicieuse tarte tatin

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

« Au tournant du siècle, deux demoiselles, Caroline et Stéphanie Tatin, tenaient à Lamotte-Beuvron, face à la gare, un hôtel fort achalandé. Les chasseurs notamment, gens difficiles et b…

Origen: Délicieuse tarte tatin

Mon Vieil Ami

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

The high-ceilinged, 17th-century dining room has been stylishly updated This sleek, chic, gourmet bistro on the main thoroughfare of the Ile St-Louis is masterminded by Strasbourg chef Antoine West…

Origen: Mon Vieil Ami

Zoom sur ces grands artisans africains de l’art culinaire — Safari Market

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Aujourd’hui nous nous intéressons aux chefs cuisiniers africains qui rayonnent dans les plus grandes tables du monde. Loic Dablé, le jeune chef qui monte Âgé de 29 ans, Loïc Dablé est un jeune Fran…

Origen: Zoom sur ces grands artisans africains de l’art culinaire — Safari Market

Canard de Rouen “La flamme des cuisines.”

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/d/df/Canardderouen.JPG/250px-Canardderouen.JPG

 

La Normandie a ses titres de gloire, non seulement dans l’héroïsme de ses enfants, qui luttent pour la sauvegarde de la Patrie et de la liberté, et dans ses hommes illustres par leur talent dans les arts, les sciences, les lettres, etc., mais encore par le renom qu’elle a conquis pour la valeur […]

a través de Canard de Rouen — “La flamme des cuisines.”

Lasaña receta y historia

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Origen: Lasaña receta y historia

 

Lasaña receta y historia

Buenas dias hoy vamos cocinar la lasaña de toda la vida antes contamos un poco de historia de el plato como siempre hay varias versiones de la origines.Se tiene noticias de la lasaña de dos diferentes recetarios los dos habla de como preparar la lasaña y provienen de la Corte Angiona de Napoles 1238-1239 donde parece  la recetas de la lasaña,tambien en lo liber de Coquina “de lasanis” 1304-1314.Varios siglos mas tarde  encontramos en 1 opera que se llama”Lucerna de Corteggiani”la primera lasaña preparada con mozzarella,en fin en 1881 encontramos en”Il Principe dei Cuochi” la primera lasaña  con tomate.Como se puede ver la lasaña tiene su origines muy antigua,me estoy olvidando la lasaña es un plato tipico de l’Emilia Romagna tambien hay varias manera de hacerla ,yo voy con la de siempre.

INFORMACIONES:

  1. dosis:8 personas
  2. dificultad alta
  3. cocinar: 1 hora mas 2 y media horas para la boloñesa
  4. conste medio
  5. caloria:600 kcal por raciones

INGREDIENTES PARA LA LASAÑA:

  1. 1 Kg de salsa de boloñesa
  2. 1 litro de bechamel
  3.  600 gr de pasta por lasaña mejor fresca si hay tiempo se no la de supermecado
  4. 200 gr de queso parmesano raillado

BOLOÑESA INGREDIENTES:

  1.  400 gr de carne picada de ternera
  2. 300 gr de carne picada de cerdo
  3. 2 zanahoria,1 cebolla un poco de apio y 2 diente de ajo triturado fino
  4. 300 gr de tomate triturado
  5. 1 lata de tomate doble concentrado
  6. sal y pimienta
  7. 300 ml de vino tinto
  8. un poco de romero y salvia triturado fino
  9. 80 ml de aceite de oliva
  10. 100ml de agua

PROCEDIMIENTO:

In 1 olla cocinamos la dos carne picada con l’aceite añadimos sal,pimienta agua y mezclamos con un cucharon o latigo de cocina con fuerza y tapamos la olla(Un consejo es mejor utilizar mas carne de ternera que de cerdo la boloñesa sale mas ligera).L’agua sirve par romper la pelota que se forma en el tiempo que se cocina la carne.Despues de 30 minutos le añadimos la verduras trituradas mas la hierbas siempre mezclando en manera que non se queme y rompiendo siempre la carne.Dejamos pasar otro 25 minutos la carne deberia haber gastado toda la agua,le añadimos el vino tinto.Dejamos evaporar el vino ahora podemos poner el tomate triturado mas el doble concentrado  de tomate siempre mezclando.Dejamos que se cocine por mas de 1 hora a fuego bajo y la ajustamos de sal se falta.Ahora la boloñesa esta lista par la lasaña ahora hacemos la bechamel.

BECHAMEL INGREDIENTES:

  1. 1 litro de leche
  2. 140 gr. de mantequilla
  3. 100 ml. de aceite de girasol
  4. 200 gr. harina
  5. un poco de sal,pimienta negra y nuez moscada
  6. 200 ml. de agua hervida

PROCEDIMIENTO:

Vamos a poner la leche y la agua a hervir in ollas separadas.En otra olla ponemos la mantequilla y la aceite a calentar;añadimos la harina y mezclamos con el latigo de cocina par un lado y par otro en el tiempo le añadimos un poco de agua hasta que se forma una masa homogenea sin grumos.Una vez hecho esto derramamos la leche siempre poco a poco y mezclamos lentamente.Una vez que habemos puesto toda la leche dejamos hervir hasta que la bechamel se reduce y pone densa(mas o menos dejamos hirvir 15-20minutos).La bechamel esta lista.

 

LASAÑA PROCEDIMIENTO:

Tomamo una bandeja para hornear y ponemos una base de bechamel despues añadimos una masa de pasta y ponemos bechamel y boloñesa hasta que la pasta sea cubierta le añadimos dos manos de parmesano.Seguimos poniendo pasta bechamel,bolonesa y parmesano hasta que tenemos 5 capa de pasta cubierta.En el tiempo que hacemos la lasaña ponemos l’horno a una temperatura de 180 grados.Una vez que terminamos la lasaña la horneamos par 50 minutos mas o meno,pinchando la parte de arriba de la lasaña con un cochillo en manera que non sube y sale la aire por fuera.La lasaña esta hecha ahora “buon appetito”.Un consejo se sobra boloñesa y bechamel se puede aprovechar para hacer otro dia un bueno macarrones gratinado.Cocinas los macarrones, los pones en una bandeja para hornear, añadir todo juntos boloñesa,bechamel,parmesano y si te gusta tambien un poco de jamon york pones en el horno por 40 minutos a 180 grados,ya tienes tu pasta gratinada y  aprovecha todos.

 

La lasaña

pasta gratinata al forno

Macarrones gratinados

Mañana vamos hacer un platos tipico que se come el domingo y tambien de la temporada.Un saludo

Fulbert-Dumonteil (Critique gastronomique XIXe)

Cooking, Cuisine, Food, Gastronomía, Kitchen, Restaurant, Restaurante, Ristorante

20 mars 2009 Cet écrivain français est d’origine périgourdine puisqu’il est né à Vergt au sud de Périgueux en Dordogne le 10 avril 1830. Il fut un grand gastronome et a écrit de charmantes pages su…

Origen: Fulbert-Dumonteil (Critique gastronomique XIXe)

Ensalada de bacalao marinado con esferas de parmesano y frambuesa

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Sin categoría

a través de Ensalada de bacalao marinado con esferas de parmesano y frambuesa —

Abrebocas del Ají margariteño: manos y palabras que enaltecen su esencia — Cilantro pero no tanto…

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Sin categoría

Ahora es el turno de incluir a aquellos artífices de los fogones de la Isla de Margarita, quienes enaltecen la esencia y el gran poder del ají margariteño, a través de sus creaciones culinarias y de sus palabras. Claro, se podrán imaginar que intentar contactar y conocer, en solo cinco días y a pie, a […]

a través de Abrebocas del Ají margariteño: manos y palabras que enaltecen su esencia — Cilantro pero no tanto…

Whoopies tout chocolat

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

La Crème et Les Gâteaux

Petit biscuit qui viennent des USA,
Se sont des biscuits moelleux et gourmands, avec une ganache chocolatée.

_MG_9055.CR2

View original post 272 more words

Para chuparse los dedos: el ‘chivito’ Uruguayo cumple 70 años

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Sin categoría

Cocina Casera Del Uruguay

 

A

El plato estrella de la gastronomía uruguaya cumple 70 años en julio, pero ¿cuál es la historia detrás de este pantagruélico sándwich?

En su paso por Uruguay, hace unos cuatro años, el reconocido chef Anthony Bourdain quedó fascinado por el llamado chivito. Tal fue su asombro que lo bautizó como ‘El rey de todos los sándwiches’. Cuenta la historia que este producto, uno de los más pedidos por turistas y locales, nació por casualidad una noche en un restaurante de Punta del Este.

El Mejillón, el local del chef Antonio Carbonaro, había sufrido varios apagones cuando una mujer argentina ingresó y pidió un plato que había probado en Córdoba: carne de chivo.

 

 

“Él, con toda honestidad, le dijo que no tenía, pero que le iba a sacar un plato rápido. Apeló a uno de sus productos de mejor calidad, el lomo. Lo que hizo Carbonaro fue versionar…

View original post 235 more words

Carne de cerdo, corte y despiece — Gastronoming

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Según el país en el que estemos, los cortes del cerdo pueden variar, ya sea por hábitos de consumo y demanda o por el tipo de cerdo, como en el caso del cerdo ibérico, que posee cortes que no tiene el cerdo blanco de consumo habitual como se muestran en la siguiente infografía. Además de la diferencia de cortes usados en distintos países, muchas veces solo cambia el nombre y/o su forma de cocinar, todo parece ser que cambia según las costumbres alimenticias de donde vivamos, lo cierto es, que en el gráfico, se ven claramente los cortes y sub cortes más comunes, ya que, como se puede apreciar, de una misma pieza, según como se haga el corte, podríamos nombrarlo de diferente manera, como sucede con el costillar. Obviamente, cada corte tiene una forma de preparación culinaria…

a través de Carne de cerdo, corte y despiece — Gastronoming

Carne de pollo, corte y despiece — Gastronoming

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

El pollo es uno de esos alimentos comunes, que, a diferencia del cerdo o la ternera, tiene en su despiece una similitud de cortes y piezas a nivel internacional, así también en su uso, no sucede así en la res y el cerdo (según su tipo), sus cortes, no solo pueden variar en forma sino también en nombres y usos, es decir, ya sea por el propio corte o por el tamaño y/o edad en la que sean sacrificados dichos animales, hay países en los que existen cortes que no se usan o existen en otros sitios, o lleven un nombre y un uso habitual de preparación diferente. El pollo o pollo industrial, que es, el ave gallinácea que encontramos comúnmente…

a través de Carne de pollo, corte y despiece — Gastronoming

Carne de caballo, corte y despiece — Gastronoming

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

El hombre viene consumiendo carne de caballo desde hace más de 10,000 años, en la actualidad, si tenemos en cuenta, que el potro, pasados dos años es considerado caballo, digamos que la siguiente infografía sobre los cortes comestibles de este animal, son validos para ambos, ya que, se hacen los mismos cortes, tanto como potro y caballo. A diferencia de lo que mucha gente cree, la carne de caballo, es muy saludable, para empezar, su condición de cría, a diferencia de otros animales donde se explota su carne, no son criados de manera masificada debido a que su consumo no es tal, por lo tanto, su cría es mas cuidada y por lo general más artesanal y controlada muy de cerca. Su alimentación se reduce a leche materna, pastos, cebada…

a través de Carne de caballo, corte y despiece — Gastronoming

Carne de vacuno, corte y despiece — Gastronoming

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Probablemente, en el vacuno, es donde encontremos mayor diferencias de nombres y cortes a nivel internacional, hablando del mismo animal, no son iguales en Argentina, España, Estados Unidos, Irlanda, Japón, etc, se debe básicamente a la edad de sacrificio de cada zona (según la edad puede o no tener ciertos cortes) y/o por las costumbres alimenticias de cada región. Muchas veces, en un mismo país, el nombre de un mismo corte cambia, parece ser que ni los mismo carniceros de un mismo sitio se ponen de acuerdo, como para pretender que se haga a nivel internacional, esto es por la costumbre y en la gastronomía la costumbre es ley, trata de decirle a un carnicero que el nombre del corte que acaba de hacer se llama de distinta manera a lo que él dice…

a través de Carne de vacuno, corte y despiece — Gastronoming

Carne de cordero, corte y despiece — Gastronoming

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Una tarea que tenía pendiente para completar un catálogo básico de infografías sobre los cortes y despieces de varios animales que componen día a día nuestros menús habituales, además a pedido de varias personas, aquí les presento la infografía de la carne de cordero, corte y despiece, como se puede observar en dicho gráfico, los principales y diversos cortes del animal que se aprovechan en la gastronomía son múltiples y digo principales, porque si investigamos en cada recetario de diferentes países podemos encontrar cortes “nuevos”, bien sea porque les cambian el nombre o por que son piezas muy particulares, es decir, dos cortes en uno u otro muy singular de uso poco habitual…

a través de Carne de cordero, corte y despiece — Gastronoming

“PASSION” DE MARTIN BERASATEGUI: un chef con 7 estrellas Michelin, casi ignorado en México

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Se ubica en el Hotel Paradisus Riviera Maya

Origen: “PASSION” DE MARTIN BERASATEGUI: un chef con 7 estrellas Michelin, casi ignorado en México

Tutorial de tipos de cortes de carne porcina — Sabores de Bolivia

Cocktail Repertorio Di Ricette Italiano, Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Es importante conocer de que corte primario proviene, o sea de que parte del cuerpo del animal. Esta información es muy importante porque determina que tan jugoso o suave puede ser,Los cortes primarios son panceta, pierna, lomo y paleta. Pierna trasera: Se hornea en diferentes formas. Chamorro o codillo: Es la parte de la pierna, junto a […]

a través de Tutorial de tipos de cortes de carne porcina — Sabores de Bolivia

Cortes de Carne de Cerdo

Mantequilla De Naranja (Beurre d’Orange)

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Mantequilla De Naranja, Beurre d’Orange es una variación del Beurre blanc. Source: Mantequilla De Naranja (Beurre d’Orange)

Origen: Mantequilla De Naranja (Beurre d’Orange)

PDF Mantequilla De Naranja (Beurre d’Orange)

Saffron risotto, seared diver scallops.

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Yesterday i made saffron risotto with diver scallops. It’s a combination that has been done with different ingredients, stocks, veggies, etc. For the riso, i sweated an onion, no color, added…

Origen: Saffron risotto, seared diver scallops.

Tableau de Cuisson Basse Temperature

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

« La cuisson des aliments en général a pour fonction de valoriser leurs caractères organoleptiques. Elle contribue également à leur salubrité et favorise leur conservation. La technique à basse t…

PDF Tableau de Cuisson Basse Temperature

Origen: Tableau de Cuisson Basse Temperature

It’s always nice in Nice — A Latte Pink

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Nice, France Over the weekend I took a long (an hour) plane to Nice, France. As you fly into the city you get to see all of the rocky beach and water. this place was pretty magnificent as it is on the French Riviera. This vacation was definitely relaxing and there were no worries. One […]

a través de It’s always nice in Nice — A Latte Pink

 

“Uno puede llegar a ser un buen cocinero, pero buen asador se nace.”

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

 

“On devient cuisinier mais on naît rôtisseur”

Jean Anthelme Brillat-Savarin

 

https://es.wikipedia.org/wiki/Jean_Anthelme_Brillat-Savarin

http://html.rincondelvago.com/la-fisiologia-del-gusto_jean-anthelme-brillat-savarin.html

The Legend Of La Coupole

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Quintullis Marketing And Gastronomic Recruiting Agent

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/fr/thumb/3/39/Logo_Coupole.svg/1166px-Logo_Coupole.svg.png

Brasserie La Coupole

A true Art Deco masterpiece, La Coupole is the most famous Parisian brasserie in the world. Today it is the quintessential symbol of Montparnasse’s history, as well as a key component of the art of living and socialising in Paris, particularly in the 14th arrondissement.

 

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/thumb/9/99/La_Coupole_-_Paris.JPG/800px-La_Coupole_-_Paris.JPG


 

Read his recipe

cc

  Indian Lamb Curry

 

Ingredients for 6 people:

  • – 3.5 kg lamb meat from shoulder or leg
  • – 10 cl sunflower oil
  • – 3 Golden Delicious apples
  • – 1 banana, sliced
  • – 1 tsp curry powder
  • – 1 tsp mild paprika
  • – 30 g shredded coconut
  • – 3 cloves of garlic, chopped
  • – 250 g onions, finely chopped
  • – ½ tbsp coarse salt
  • – 20 g flour
  • – 50 cl lamb stock
  • – 200 g tomatoes
  • – 50 g curly parsley
  • – 500 g Basmati rice
  • – 50 g butter
  • – Bouquet garni
  • – Mango chutney…

View original post 151 more words

Historia de nuestro plato bandera. El Ceviche

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Origen: Historia de nuestro plato bandera. El Ceviche

Pimientos de colores

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Origen: Pimientos de colores

Navarin Beef / Navarin de Ternera. movie “Le Chef”

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante

Origen: Navarin Beef / Navarin de Ternera. movie “Le Chef”

Chirón, pequeños bocados de gastronomía manchega en su nuevo menú de tapas

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, gastronomy, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Origen: Chirón, pequeños bocados de gastronomía manchega en su nuevo menú de tapas

Tacos Al Pastor

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Onboarders #FOODIES Uno de nuestros platos preferidos en México: Los Tacos Al Pastor! les dejamos una receta de cómo prepararlos! Enjoy!

Origen: Tacos Al Pastor

Clasificación de las diferentes gama de productos alimentarios.

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

28309976

Origen: Clasificación de las diferentes gama de productos alimentarios.

PDF Clasificación de las diferentes gama de productos alimentarios

CAMARONES EN SALSA DE PROSECCO.

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Origen: CAMARONES EN SALSA DE PROSECCO.

Instant Rabri or Rabdi

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

 

Origen: Instant Rabri or Rabdi

Salmón a la naranja

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

La receta del salmón a la naranja explicada paso a paso.

Origen: Salmón a la naranja

Arroz con verduras y rovellons

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas

Origen: Arroz con verduras y rovellons

TORTILLITAS DE CAMARONES TÍPICAS DE CÁDIZ

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

 

 

Receta tradicional de como se elaboran las famosas Tortillitas de Camarones típicas de Cádiz.

Origen: TORTILLITAS DE CAMARONES TÍPICAS DE CÁDIZ

Receta: Spaguetti alla vongole

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Origen: Receta: Spaguetti alla vongole

Swiss Chard: Cheesy Bake and Spicy Salad

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

 

Origen: Swiss Chard: Cheesy Bake and Spicy Salad

Fotos 2015

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

http://www.acfchefs.org/

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

 

2015 American Culinary Federation National Convention

Cook. Craft. Create. Convention & Show

July 15–July 19, 2016

Register Online
PDF Registration Form
JW Marriott Phoenix Desert Ridge Resort & Spa
Phoenix, Arizona

Phoenix’s bold nature shines through with unique cultural eats, breathtaking sunsets against rugged mountains and a gateway to the Grand Canyon. Visit Arizona’s urban heart for educational and engagement opportunities that will build off the ChefConnect series and provide a revitalizing experience for members, foodservice professionals, students and competitors. Whether you are a seasoned chef or a student new to the kitchen, Cook. Craft. Create. offers something for everyone. Mark your calendars and get ready for this amazing convention in Phoenix!

Origen: http://www.acfchefs.org/

Juego de Blogueros 2.0: Empanadillas de Champiñones y Chorizo con Masa Casera

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Origen: Juego de Blogueros 2.0: Empanadillas de Champiñones y Chorizo con Masa Casera

Protocolo para el uso de las copas y vasos

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

 

Les comparto este diseño  donde está el protocolo a seguir con las copas y vasos

Origen: Protocolo para el uso de las copas y vasos

Navidad, navidad… sana Navidad…6 postres especiales para 6 días especiales

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Navidad, navidad dulce sana Navidad, pero… ¿es posible? Por supuesto. Sé que todos tenéis más o menos claro como debe ser una dieta saludable (que la hagáis o no ya es otra cosa…).

Origen: Navidad, navidad… sana Navidad…6 postres especiales para 6 días especiales

Dos recetas de Alex Atala para las Fiestas

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Origen: Dos recetas de Alex Atala para las Fiestas

Las estrellas Michelin y los chefs emergentes, protagonistas de The Alimentaria Experience

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Origen: Las estrellas Michelin y los chefs emergentes, protagonistas de The Alimentaria Experience

Clasificación de las diferentes gama de productos alimentarios.

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

28309976

 

Origen: Clasificación de las diferentes gama de productos alimentarios.

PDF Clasificación de las diferentes gama de productos alimentarios

 

Ajo Negro Black Garlic Ail Noir (L’ail noir d’Aomori)

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Origen: Ajo Negro Black Garlic Ail Noir (L’ail noir d’Aomori)

PDF Ajo Negro Black Garlic Ail Noir (L’ail noir d’Aomori) 1

https://es.wikipedia.org/wiki/Ajo_negro_%28alimento%29


Cocktail repertorio di ricette Italiano

Cocktail Repertorio Di Ricette Italiano, Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

The Shaker

Classic Cocktail Kit

PDFCocktail Repertorio Di Ricette Italiano

Cocktail repertorio di ricette

Sommario

Cocktail I.B.A. (International Bartenders Association) del 1961

Cocktails a base di Brandy

Cocktails a base di Gin

Cocktails a base di Whiskey

Cocktails alla Frutta

Cocktails Aperitivi

Cocktails Digestivi

Cocktails Dissetanti

 

 

 

SE VUOI BERE, FALLO COM MODERAZIONEmagen GIF, 600 × 600 píxeles)
CHI GUIDA NON BEVE


 

Cocktail I.B.A. (International Bartenders Association)

Alexander
1/3 brandy
1/3 crema cacao scura
1/3 crema di latte
Agitare nello shaker con cubetti di ghiaccio e servire in doppia coppetta da cocktail. Spolverare con noce moscata (facoltativo).

Americano
5/10 Bitter Campari
5/10 vermut rosso
Miscelare direttamente sul ghiaccio nel bicchiere old fashioned. Completare con soda water e decorare con mezza rondella di arancia o sprizzo di limone.

Bacardi
6/10 Ron Bacardi bianco
3/10 succo di limone o lime
1/10 sciroppo di granatina
Agitare nello shaker e servire in coppetta da cocktail.

Banana Daiquiri
6/10 rum bianco
3/10 crema di banana
1/10 succo di limone o lime, mezza banana fresca.
Frullare nel blender con ghiaccio a scaglie e versare senza filtrare in un calice. Decorare con mezza banana e cannucce corte.

Bellini
Versare in un bicchiere flûte
3/10 succo di pesca (nettare)
7/10 spumante freddo

Black Russian
7/10 vodka
3/10 liquore al caffè (Kahlua).
Miscelare direttamente sul ghiaccio in un bicchiere old fashioned

Bloody Mary
3/10 vodka
6/10 succo di pomodoro 1/10 succo di limone
gocce di Worcester, Tabasco, sale, pepe e sale di sedano. Preparare direttamente sul ghiaccio, o shaker o miscelare in un highball

Brandy Egg Nogg
4/10 brandy
5/10 latte
1/10 sciroppo di zucchero
un tuorlo d’uovo.
Agitare nello shaker e servire nel tumbler. Spolverare con noce moscata.

Bronx
4/10 gin
2/10 vermut rosso
2/10 vermut dry
2/10 succo d’arancia
Agitare nello shaker e servire in coppetta da cocktail.

Buck’s Fizz (Mimosa)
versare in un bicchiere flûte
4/10 succo d’arancia
6/10 Champagne

Bull Shot
3/10 vodka
6/10 brodo di carne
1/10 succo di limone
Condire con Worcester sauce, Tabasco, sale, pepe e sale di sedano. Preparare nello shaker, servire in un highball con ghiaccio. (Nelle stagioni fredde può essere servito caldo).
Champagne Cocktail
versare in un flûte o coppa da champagne
2 gocce di Angostura Bitter su un quarto di zolletta di zucchero posta sul fondo del bicchiere
9/10 Champagne ghiacciato
1/10 brandy
Decorare con mezza fetta di arancia e ciliegina.

John Collins
3/10 gin
2/10 succo di limone
1/10 sciroppo di zucchero
4/10 soda water.
Miscelare direttamente sul ghiaccio in un highball e colmare con soda water. Decorare con rondella di limone e ciliegina.

Daiquiri
6/10 rum bianco
3/10 succo di limone o lime
1/10 sciroppo di zucchero
Agitare nello shaker e servire in coppetta da cocktail.

Florida Cocktail
(analcolico)
4/10 succo di pompelmo
2/10 succo d’arancia
2/10 succo di limone
2/10 sciroppo di zucchero
soda water.
Agitare nello shaker e versare in un highball con ghiaccio, colmare con la soda. Decorare con foglie di menta e servire con cannucce.

French Connection
5/10 cognac
5/10 amaretto
Miscelare direttamente sul ghiaccio in un old fashioned.

Frozen Daiquiri
6/10 rum bianco
3/10 succo di lime
1/10 sciroppo di zucchero
Frullare nel blender con ghiaccio in scaglie. Versare senza filtrare in un calice grande e decorare con cannucce corte.

Garibaldi
3/10 Bitter Campari
7/10 succo d’arancia
Miscelare direttamente sul ghiaccio in un highball o old fashioned. Decorare con mezza fetta d’arancia.

Gibson
9/10 gin
1/10 dry vermut
Miscelare nel mixing glass, servire in coppetta cocktail o on the rock. Aggiungere cipollina dolce.

Gin Fizz
3/10 gin
2/10 succo di limone
1/10 sciroppo di zucchero
4/10 soda water
Agitare nello shaker, esclusa la soda, e servire in un tumbler (senza ghiaccio). Completare con la soda water. Guarnire con mezza fetta di limone e ciliegina.

Gin and French
6/10 gin
4/10 vermouth dry
Miscelare nel mixing glass e servire nella coppetta da cocktail. Aggiungere scorzetta di limone.
Gin and It
7/10 gin
3/10 vermut rosso italiano
Miscelare nel mixing glass. Servire nella coppetta da cocktail e decorare con ciliegina.

Golden Cadillac
1/3 Galliano
1/3 crema cacao bianca
1/3 crema di latte
Agitare nello shaker e servire in doppia coppetta da cocktail.

Golden Dream
1/4 Galliano
1/4 Cointreau
1/4 succo d’arancia
1/4 crema di latte
Agitare nello shaker e servire in doppia coppetta da cocktail.

Godfather
7/10 scotch whisky
3/10 amaretto
Miscelare direttamente sul ghiaccio in un old fashioned.

Godmather
7/10 vodka
3/10 amaretto
Miscelare direttamente sul ghiaccio in un old fashioned.

Grasshopper
1/3 crema di menta verde
1/3 crema cacao bianca
1/3 crema di latte
Agitare nello shaker e servire in doppia coppetta da cocktail.

Harvey Wallbanger
3/10 vodka
6/10 succo d’arancia
1/10 Galliano
Miscelare direttamente sul ghiaccio in un tumbler, versare il Galliano in superficie e decorare con fetta d’arancia e ciliegina. Servire con cannucce.

Horse’s Nec
2/10 brandy
8/10 Ginger Ale
1 goccia di Angostura Bitter (facoltativo).
Sistemare in un tumbler la buccia di un intero limone tagliata a spirale aggiungere il ghiaccio il brandy, l’Angostura. Colmare con Ginger Ale.

Irish Coffee
3/10 whiskey irlandese
2/10 crema di latte
5/10 caffè caldo
1 cucchiaio di zucchero Demerara.
Mescolare lo zucchero, il whiskey e il caffè caldo in un bicchiere da Irish Coffee. Versare in superficie la crema di latte facendola scivolare sul dorso di un cucchiaino. Non mescolare.

Kir
9/10 vino bianco secco
1/10 Crème de Cassis
Versare in un calice prima la crema di ribes nero, colmando poi con il vino bianco.

Kir Royale
9/10 Champagne freddo
1/10 Crème de Cassis
Versare e preparare in un flûte.

Manhattan
7/10 rye whiskey
3/10 vermut rosso
1 goccia di Angostura Bitter
Miscelare nel mixing glass. Servire nella coppetta da cocktail e decorare con ciliegina.

Manhattan Dry
7/10 rye whiskey
3/10 vermut dry
1 goccia di Angostura
Miscelare nel mixing glass. Servire nella coppetta da cocktail e decorare con buccia di limone.

Perfect Manhattan
6/10 rye whiskey
2/10 vermut rosso italiano
2/10 vermut dry
Miscelare nel mixing glass. Servire nella coppetta da cocktail e decorare con ciliegina.

Margarita
5/10 tequila
3/10 triple sec
2/10 succo di limone o lime.
Agitare nello shaker. Servire in coppetta da cocktail orlata di sale.

Dry Martini
8/10 gin
2/10 vermut dry.
Miscelare nel mixing glass e servire nella coppetta da cocktail o on the rock. Aggiungere scorzetta di limone o oliva.

Vodka Martini
8/10 vodka
2/10 vermut dry
Miscelare nel mixing glass e servire nella coppetta da cocktail o on the rock. Aggiungere scorza di limone o oliva.
Sweet Martini
8/10 gin
2/10 vermut rosso
Miscelare nel mixing glass e servire nella coppetta da cocktail o on the rock. Decorare con una ciliegina, o buccia di limone o oliva.

Perfect Martini
8/10 gin
1/10 vermut dry
1/10 vermut rosso.
Miscelare nel mixing glass e servire nella coppetta da cocktail. Decorare con buccia di limone o ciliegina.

Negroni
1/3 gin
1/3 vermut rosso italiano
1/3 Bitter Campari.
Miscelare sul ghiaccio in un old fashioned. Decorare con mezza rondella d’arancio. (In alcuni paesi si serve con soda water facoltativa).

Old Fashioned
Posare sul fondo di un bicchiere old fashioned un quarto di zolletta di zucchero bagnata con Angostura Bitter. Far sciogliere con uno spruzzo di soda water.
Colmare il bicchiere con ghiaccio e versare
5 cl bourbon, rye o scotch whisky.
Decorare con mezza rondella d’arancia, sprizzo di scorza limone e una ciliegina.

Paradise
5/10 gin
3/10 apricot brandy
2/10 succo d’arancia.
Agitare nello shaker e servire nella coppetta da cocktail.

Parsons Special
(analcolico)
6/10 succo d’arancia
2/10 granatina
2/10 soda water
1/2 tuorlo d’uovo.
Agitare nello shaker (esclusa la soda) e servire in un tumbler colmando con la soda water. Decorare con fetta d’arancia e ciliegina.

Piña Colada
3/10 rum bianco
2/10 latte di cocco
5/10 succo d’ananas.
Frullare nel blender e versare senza filtrare in un calice. Decorare con ananas, ciliegine e cannuccia corta.

Planter’s Punch
6/10 rum scuro (o una miscela di rum chiaro e scuro)
3/10 succo di limone
1/10 granatina
soda water.
Miscelare con lo shaker o preparare sul ghiaccio in un highball e colmare con soda water. Decorare con una rondella di limone e arancia.

Porto Flip
2/10 brandy
6/10 Porto rosso
2/10 rosso d’uovo.
Preparare nello shaker e servire in un calice. Grattugiare della noce moscata in superficie.

Pussy Foot
(analcolico)
1/3 succo di limone
1/3 succo d’arancia
1/3 succo di lime
gocce di granatina
1 tuorlo d’uovo.
Agitare nello shaker e versare in un tumbler colmo di ghiaccio o in un calice. Decorare con rondelle di limone, arancia e ciliegina.

Rob Roy
6/10 scotch whisky
4/10 vermut rosso
1 goccia Angostura Bitter.
Miscelare nel mixing glass e servire in coppetta da cocktail. Decorare con ciliegina.

Rose
6/10 vermut dry
2/10 kirsch
2/10 cherry brandy.
Preparare nel mixing glass, servire in coppetta cocktail.Decorare con ciliegina.

Rusty Nail
6/10 scotch whisky
4/10 Drumbuie.
Miscelare sul ghiaccio in un bicchiere old fashioned. Decorare con sprizzo di limone.

Screwdriver
3/10 vodka 7/10 succo d’arancia.
Miscelare sul ghiaccio in un tumbler e decorare con rondella d’arancia.

Shirley Temple
(analcolico)
9/10 Ginger Ale
1/10 granatina.
Miscelare sul ghiaccio in un tumbler. Decorare con ciliegie.

Sidecar
6/10 cognac
3/10 Cointreau
1/10 succo di limone.
Agitare nello shaker e servire in coppetta da cocktail.

Singapore Sling
3/10 gin
2/10 succo di limone
1/10 cherry brandy
4/10 soda water.
Agitare nello shaker, servire in un tumbler e colmare con la soda water. Decorare con rondella di limone e ciliegina.

Stinger
7/10 brandy
3/10 crema di menta bianca.
Agitare nello shaker e servire in coppetta cocktail, oppure miscelare sul ghiaccio in un old fashioned.

Tequila Sunrise
3/10 tequila
6/10 succo d’arancia
1/10 granatina.
Miscelare sul ghiaccio in un tumbler, terminare con uno spruzzo di granatina (per dare l’effetto cromatico). Decorare con rondella d’arancia e ciliegina. Servire con cannucce e cocktail stir.

Whiskey Sour
4/10 bourbon whiskey
4/10 succo di limone
2/10 zucchero o di sciroppo di zucchero
1 goccia di albume. (Facoltativo)
Agitare nello shaker e servire in un piccolo calice.

White Lady
5/10 gin
3/10 Cointreau
2/10 succo di limone.
Agitare nello shaker e servire in coppetta da cocktail.
White Russian
5/10 vodka
3/10 liquore al caffè
2/10 crema di latte.
Miscelare sul ghiaccio in un old fashioned. Versare la crema di latte in superficie facendola scivolare sul dorso di un cucchiaino.

COCKTAILS A BASE DI BRANDY

Alba
2/3 di brandy Vecchia Romagna, 1/3 di succo d’arancia, un cucchiaino di framboise
Si prepara nello shaker con ghiaccio cristallino e si serve nei bicchieri da cocktail ben ghiacciati guarnendo con una piccola buccia d’arancia

Arc de Triomphe (Long-drink)
Metà di succo d’ananas, ¼ di brandy Stock 84, ¼ di orange
Si prepara nel mixing glass con alcuni cubetti di ghiaccio cristallino versando brandy e orange. Mescolare con cura e quindi servire nei tumblers completando con succo di ananas e decorando con una ciliegina al maraschino

Brandy al Milk Punch (Long-drink)
Per 2 persone
2 cucchiaini di zucchero, 2 bicchierini di brandy, 4 bicchierini di latte freddo, 6 cubetti di ghiaccio, un po’ di noce moscata
Mettere lo zucchero e il brandy nel mixer e mescolare con il cucchiaino lungo. Unire il latte freddo e il ghiaccio, mescolare ancora e versare in un bicchiere da long-drink. Aromatizzare con noce moscata.
E’ una bevanda nutriente e allo stesso tempo dissetante
Brandy Crusta
Per 2 persone
6 cubetti di ghiaccio, 2 bicchierini di brandy, 2 cucchiai di sciroppo di zucchero, 2 spruzzi misti di succo di limone, angostura e maraschino, 2 spicchi d’arancia, un cucchiaino di zucchero, buccia d’arancia a spirale
Mettere il ghiaccio, lo sciroppo di zucchero, il brandy, il limone, l’angostura e il maraschino nello shaker e agitare bene. Sfregare il bordo del bicchiere con uno spicchio di arancia e intingerlo subito nello zucchero perché si attacchi. Versare il cocktail nel bicchiere così preparato e decorare con la buccia d’arancia tagliata a spirale

Brandy Fix (Long-drink)
Per 2 persone
6 cubetti di ghiaccio, il succo di un limone, mezzo bicchierino di cherry brandy, un bicchierino di brandy, 2 fette di limone
Frantumare il ghiaccio, metterlo in un bicchiere da long-drink. Versarvi sopra il succo di limone, lo cherry brandy e il brandy. Mescolare e decorare con una fettina di limone. Servire con cannuccia

Brandy Flip
Per 2 persone
6 cubetti di ghiaccio, 2 rossi d’uovo, 4 cucchiaini di zucchero, 2 bicchieri (da cocktail) di brandy, noce moscata
Mettere il ghiaccio nello shaker insieme con i tuorli d’uovo, lo zucchero, il brandy e scuotere con decisione. Versare nel bicchiere da flip e spolverizzare con noce moscata grattugiata al momento

Friul Sera
3 bicchierini di brandy, uno di apricot brandy, succo di pompelmo
Preparare nello shaker con 3 cubetti di ghiaccio. Servire decorando ciascun bicchiere con una ciliegia marasca

Gemelli
2/4 di brandy Riserva Ramazzotti, ¼ di liquore San Cristoforo, ¼ di succo di limone
Si prepara nello shaker con ghiaccio cristallino e si serve nei bicchieri da cocktail ben ghiacciati con oliva verde di Spagna
Gentleman
1/3 di brandy Gambarotta, 1/3 di Peppermint Bianco, 1/3 di succo d’arancia
Si prepara nello shaker con ghiaccio cristallino e si serve nei bicchieri da cocktail ben ghiacciati guarnendo con una ciliegina rossa al maraschino

Julia
2 bicchierini di brandy, 2 bicchierini di cherry brandy, un bicchierino di granatina, succo di mezza arancia, 3 cubetti di ghiaccio
Agitare fortemente nello shaker.

Liuba
½ di brandy Florio, ¼ di vermouth rosso Cora, ¼ di succo d’arancia
Si prepara nello shaker con ghiaccio cristallino e si serve nei bicchieri da cocktail ben ghiacciati guarnendo con una ciliegina rossa al maraschino

Mezzanotte
3 bicchierini di brandy, un bicchierino di whisky, 2 bicchierini di cherry brandy, 2 gocce d’angostura
Preparare nello shaker con 3 cubetti di ghiaccio e servire nei bicchieri da cocktail

Pampados
¾ di brandy Fundador, ¼ di Grand Marnier, gocce di Bitter Campari, gocce di succo di limone
Si prepara nello shaker con ghiaccio cristallino e si serve nei bicchieri da cocktail ben ghiacciati con sprizzo di buccia d’arancia

Prestigio
1/3 di Rosso Antico, 1/3 di brandy Royal Stock, 1/3 di succo d’arancia, gocce di succo di limone
Si prepara nello shaker con ghiaccio cristallino e si serve nei bicchieri da cocktail ben ghiacciati guarnendo con un angolo di fettina d’arancia
Vecio Fogolar
3 bicchierini di brandy, un bicchierino di grappa stravecchia, 6 gocce di crema di menta, una buccia di limone, 2 gocce di angostura
Preparare nello shaker con cubetti di ghiaccio e servire nei bicchieri da cocktail

Vincente
½ di brandy Osborne, ¼ di vermouth bianco, ¼ di succo d’ananas, gocce di Bitter Campari
Si prepara nello shaker con ghiaccio cristallino e si serve nei bicchieri da cocktail ben ghiacciati guarnendo con un dadino d’ananas

COCKTAILS A BASE DI GIN

Abate
1/3 di succo d’arancia, 2/3 di gin, uno spruzzo di vermouth rosso, 2 gocce di angostura
Agitare nello shaker, con cubetti di giaccio. Servire nel calice con una ciliegina sotto maraschino e un pezzetto di lattuga fresca

Abbey Crusta
¼ di vermouth, ¾ di gin, un cucchiaio di succo d’arancia
Versare nel calice, il cui bordo sarà stato precedentemente bagnato di succo d’arancia e passato nello zucchero. Infine decorare con una spirale di scorza d’arancia

Admiral
1/5 di succo di limone, 1/5 di cherry brandy, 3/5 di gin
Agitare nello shaker, con poco ghiaccio. Servire nel calice basso, con una ciliegina sciroppata
Alaska
1/4 di Chartreuse, 3/4 di gin, 2 gocce di bitter all’arancia
Agitare, con cubetti di ghiaccio, nel mixer. Servire nel tumbler stretto, con una fettina d’arancia e una scorza di pompelmo

Albemarie Fizz
1/5 di succo di limone, 4/5 di gin, mezzo cucchiaio di zucchero
Agitare, con molto ghiaccio, nel mixer. Versare, riempiendo per 2/3, nel gotto alto o nel tumbler ampio in cui già si trovi del ghiaccio tritato. Aggiungere soda e gazzosa e mescolare dolcemente con l’apposito cucchiaino. Infine versare delicatamente in superficie un cucchiaino di sciroppo di more

Alexander
1/3 di panna liquida, 1/3 di crème di cacao, 1/3 di gin
Agitare con poco ghiaccio nel mixer. Servire nel tumbler stretto

Alexander III
1/3 di panna liquida, 1/3 di crème di menta bianca, 1/3 di gin
Scuotere, con cubetti di ghiaccio, nello shaker. Servire nel tumbler stretto

Ambassador
1/4 di vermouth bianco, 1/4 di crème di banana, 1/2 di gin, un cucchiaio di succo di limone
Agitare nello shaker, con molto ghiaccio. Servire nel calice ampio, con cubetti di ananas e una ciliegia sciroppata

Amsterdam Cobbler
1/4 di succo d’ananas, 4/5 di gin, un cucchiaio di curaçao
Agitare forte nello shaker, con poco ghiaccio. Servire nei calici ampi, già pieni per metà di ghiaccio tritato, decorando con cubetti d’ananas e di frutta di stagione

Ananas Cobbler
1/4 di succo d’ananas, 1/4 di vermouth bianco, 1/2 di gin
Agitare forte nello shaker, con poco ghiaccio. Servire nei calici ampi, già pieni per metà di ghiaccio tritato, decorando con cubetti di ananas
Anniversary
1/6 di succo di pesca, 1/6 di vermouth dry, 1/3 di cognac, 1/3 di gin, una goccia di vermouth rosso
Agitare nel mixer, con ghiaccio. Servire nel tumbler ampio

Argentina
1/3 di vermouth dry, 1/6 di Cointreau, 1/6 di Bénédictine, 1/3 di gin, uno spruzzo di angostura
Agitare, con poco ghiaccio, nello shaker. Servire nel tumbler stretto, con un cubetto di ghiaccio, una scorza d’arancia, una di limone e una di pompelmo

Army and Navy
1/3 di succo di limone, 2/3 di gin, un cucchiaio di sciroppo di lampone
Agitare, con molto ghiaccio, nel mixer. Servire nel calice ampio, con 2 o 3 fettine di limone

Around the World
1/3 di succo d’ananas, 2/3 di gin, un cucchiaio di crème di menta verde
Agitare a lungo nello shaker, con molto ghiaccio. Servire nel flûte con cubetti e trancio d’ananas. Guarnire con una ciliegia sciroppata

Art Director
1/6 di vermouth dry, 1/6 di rum, 2/3 di gin, un cucchiaio di Grand Marnier, uno spruzzo di bitter all’arancia
Agitare nel mixer con poco ghiaccio. Servire nel calice basso, con un’oliva e una fettina d’arancia

Atlantic
1/3 di vermouth rosso, 1/3 di calvados, 1/3 di gin, 2 spruzzi di succo di limone, uno spruzzo di Pernod
Scuotere nello shaker, con ghiaccio. Servire nel tumbler stretto o nel calice basso
Aviation
1/6 di succo d’arancia, 1/6 di maraschino, 2/3 di gin
Scuotere energicamente nello shaker, con cubetti di ghiaccio. Servire in calice, con una ciliegina sotto maraschino e una lunga scorza d’arancia, oppure nel tumbler ampio, con un mandarino a fettine

Ballet Girl
1/4 di bitter amaro, 1/4 di Dubonnet, 1/2 di gin
Agitare delicatamente nel mixer, con pochi cubetti di ghiaccio. Servire nel calice basso con minuscole scorze di limone e di arancia

Beauty Queen
Un bianco d’uovo montato a neve, 1/3 di succo di lampone, 2/3 di gin
Scuotere, con ghiaccio, nello shaker. Servire nel tumbler stretto, con una fettina di carota

Bermuda
3/4 di London gin, 1/4 di succo di limone, 5 gocce di peach brandy, 2 gocce di granatina
Si prepara nel mixer con ghiaccio in cubetti

Bermuda Highball
1/5 di vermouth, 2/5 di cognac, 2/5 di gin
Preparare direttamente nel tumbler ampio, sul cui fondo si trovino già dei cubetti di ghiaccio. Aggiungere molta soda e mescolare dolcemente. Servire con una fettina d’arancia e una scorza di limone

Bijou
1/6 di vermouth bianco, 1/6 di vermouth dry, 1/6 di Chartreuse Gialla, ½ di gin, 2 spruzzi di bitter all’arancia
Agitare lentamente, con cubetti di ghiaccio, nel mixer. Servire nel calice basso, con un’oliva, o nel calice ampio con uno spruzzo di soda e fettine d’arancia e di limone
Bird of Paradise Fizz
Un bianco d’uovo, 1/4 di succo di limone, 3/4 di gin, mezzo cucchiaio di zucchero
Agitare vigorosamente, con ghiaccio, nello shaker. Riempire per ¾ il tumbler stretto sul cui fondo ci siano già cubetti di ghiaccio, aggiungere soda e mescolare dolcemente con l’apposito cucchiaino. Decorare infine con scorze di limone e di arancia

Black Hawk
2/5 di whisky, 3/5 di gin
Agitare, con cubetti di ghiaccio, nello shaker. Servire nel tumbler stretto, con un cubetto di ghiaccio

Blackmail
Un rosso d’uovo, 1/2 di porto, 1/2 di gin, uno spruzzo di anisette
Agitare vigorosamente e a lungo, con cubetti di ghiaccio, nello shaker. Servire nel tumbler stretto, senza decorare

Blackthorn
1/3 di vermouth, 2/3 di sloegin, 2 spruzzi di angostura
Mescolare delicatamente, ma a lungo, nel mixer, con cubetti di ghiaccio. Servire nel calice basso, con un pezzetto di prugna fresca

Blue Bird
1/4 di curaçao blu, 3/4 di gin, 2 spruzzi di angostura
Agitare, con ghiaccio, nello shaker. Servire con una ciliegia nel calice o nel tumbler

Boxcar
Un bianco d’uovo, 1/5 di succo di limone, 2/5 di triple sec, 2/5 di gin, una goccia di granatina
Agitare nello shaker, con ghiaccio tritato. Servire nel tumbler stretto il cui bordo, bagnato di succo di limone, sia stato precedentemente passato nello zucchero

Breakfast
Un bianco d’uovo, 1/3 di granatina, 2/3 di gin
Scuotere nello shaker, con cubetti di ghiaccio. Servire nel tumbler stretto, con scorza di limone

Bronx
1/5 di succo d’arancia, 1/5 di vermouth rosso, 1/5 di vermouth dry, 2/5 di gin
Agitare nello shaker, con cubetti di ghiaccio. Servire nel tumbler con scorza d’arancia

Bronx Golden
Un rosso d’uovo, 1/5 di succo d’arancia, 1/5 di vermouth rosso, 1/5 di vermouth dry, 2/5 di gin
Agitare vigorosamente e a lungo nello shaker, con cubetti di ghiaccio. Servire nel tumbler

Bronx Silver
Un bianco d’uovo, 1/5 di succo d’arancia, 1/5 di vermouth bianco, 1/5 di vermouth dry, 2/5 di gin
Agitare vigorosamente nello shaker, con cubetti di ghiaccio. Servire nel tumbler

Bronzing Cooler
1/4 di succo d’arancia, 1/4 di vermouth rosso, 1/2 di gin
Agitare delicatamente ma a lungo nel mixer, con molto ghiaccio in cubetti. Riempire per metà il gotto alto, aggiungere abbondante soda ben fredda e servire con una fettina d’arancia, una spirale di scorza di limone ed eventualmente cubetti di frutta di stagione

Bulldog Highball
1/4 di succo d’arancia, 3/4 di gin
Preparare direttamente nel bicchiere alto, aggiungere molta soda e mescolare dolcemente. Servire con una fettina d’arancia, mezza fetta di limone sul bordo e una ciliegina candita
Cabaret
1/8 di vermouth dry, 1/8 di Bénédictine, 3/4 di gin, 2 spruzzi di angostura
Agitare, con poco ghiaccio in cubetti, nello shaker. Servire nel calice basso con una ciliegia

Cafè de Paris
Mezzo bianco d’uovo, 1/7 di panna liquida, 1/7 di anisette, 5/7 di gin
Agitare velocemente nello shaker, con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel tumbler, decorando con una fettina di carota

Campexport
1/3 di vermouth dry, 1/3 di bitter amaro, 1/3 di gin, un cucchiaio di cordial
Agitare, con ghiaccio, nello shaker. Servire con una buccia di pompelmo, nel calice basso

Cape
1/3 di succo d’arancia, 1/3 di bitter alla’arancia, 1/3 di gin
Agitare, con cubetti di ghiaccio, nello shaker. Servire nel calice ampio, con fettine d’arancia, di mandarino e di pompelmo

Cardinale
1/5 di bitter amaro, 2/5 di vermouth dry, 2/5 di gin
Agitare nel mixer, con ghiaccio. Servire in calice, con scorze d’arancia e di limone

Carine
1/4 di Dubonnet, 1/4 di crème di mandarino, 1/2 di gin
Agitare, con poco ghiaccio, nel mixer. Servire in calice, con una fetta di mandarino e una foglia di insalata vere

Carioca
1/4 di succo di limone, 1/4 di vermouth bianco, 1/2 di gin, uno spruzzo di angostura
Agitare nel mixer, con ghiaccio. Servire in calice con una fettina di limone e una foglia di insalata rossa
Caruso
1/3 di vermouth dry, 1/3 di crème di menta verde, 1/3 di gin
Agitare nel mixer, con cubetti di ghiaccio. Servire in calice

Casanova
1/3 di rum, 1/3 di cognac, 1/3 di gin, uno spruzzo di angostura
Scuotere nello shaker, con poco ghiaccio. Servire nel tumbler stretto, con un cubetto di ghiaccio

Casino
1/6 di vermouth rosso, 1/6 di vermouth dry, 1/6 di bitter amaro, ½ di gin
Agitare a lungo nel mixer. Servire nel calice ampio, con una buccia di pompelmo, una fettina di carota, una di ravanello, un chicco d’uva bianca e uno di uva nera

Casino Royal
1/3 di apricot brandy,2/3 di gin, un cucchiaio di vermouth dry, un cucchiaio di succo di limone
Agitare a lungo nello shaker, con ghiaccio. Servire nel calice ampio con una fettina di limone, una di carota e una di ravanello, una buccia di pompelmo e un chicco d’uva nera

Cat’s Eye
1/6 di succo di limone, 1/3 di vermouth dry, 1/6 di triple sec, 1/3 di gin, un cucchiaio di kirsch
Agitare nello shaker, con molto ghiaccio. Servire nel calice basso, senza ghiaccio, con un’oliva

Charlie
1/6 di vermouth dry, 1/6 di bitter amaro, 1/6 di Cointreau, 1/2 di gin
Agitare lentamente nel mixer. Servire nel calice basso, con un cubetto di ghiaccio e un chicco d’uva bianca

Charlie Chaplin
1/4 di succo di limone, 1/4 di apricot brandy, 1/2 di gin
Agitare, con cubetti di ghiaccio, nel mixer. Servire nel tumbler stretto, con una scorza di limone e una ciliegia
Christopher
2/3 di rum, 1/3 di gin, un cucchiaio di succo d’arancia
Agitare, con poco ghiaccio, nello shaker. Servire nel flûte

Circuì Rickey
1/5 di succo di limone, 1/5 di sciroppo di lampone, 3/5 di gin
Agitare, con cubetti di ghiaccio, nello shaker. Riempire il gotto per metà, aggiungere soda ben fredda e servire con scorza di limone

Claridge
1/6 di vermouth dry, 1/6 di Cointreau, 1/3 di apricot brandy, 1/3 di gin
Agitare nel mixer, con cubetti di ghiaccio. Servire nel calice basso, con una ciliegina sciroppata

Clover Club
Un bianco d’uovo, ¼ di succo di limone, ¾ di gin, un cucchiaio di sciroppo di lampone
Agitare vigorosamente e a lungo nello shaker, con cubetti di ghiaccio. Servire nel tumbler stretto con una scorza di limone e una d’arancia, oppure nel calice ampio con uno spruzzo di soda, una fettina di limone e molto ghiaccio

Club
1/4 di vermouth, 3/4 di gin, uno spruzzo di Chartreuse Gialla
Scuotere, con cubetti di ghiaccio, nello shaker. Servire con una ciliegia sciroppata nel calice basso

Cointreau Special
1/3 di Cointreau, 1/3 di rum, 1/3 di gin
Agitare, con molto ghiaccio in cubetti, nello shaker. Servire nel flûte con una fettina d’arancia e una scorza di pompelmo

Colonial
1/3 di succo d’ananas, 2/3 di gin, un cucchiaio di maraschino
Agitare nel mixer, con molto ghiaccio. Servire nel calice ampio, con un cubetto d’ananas ed eventualmente una ciliegia sotto maraschino

Colonial II
1/4 di succo di pompelmo, 3/4 di gin, un cucchiaio di curaçao
Scuotere nello shaker, con cubetti di ghiaccio. Servire in calice con un’oliva

Compleanno
1/3 di vermouth rosso, 1/3 di cognac, 1/3 di gin, 2 gocce di bitter all’arancia
Agitare nello shaker, con cubetti di ghiaccio. Servire nel calice basso, con una fettina d’arancia e una scorza di pompelmo

Conca d’Oro
1/6 di Cointreau, 1/6 di cherry brandy, 3/3 di gin, un cucchiaio di succo di limone, 2 spruzzi di bitter all’arancia, mezzo cucchiaio di zucchero
Agitare a lungo nel mixer, con molto ghiaccio. Servire nel calice ampio, con una fetta di limone

Conca d’Oro II
1/7 di Cointreau, 2/7 di cherry brandy, 4/7 di gin, un cucchiaio di maraschino
Agitare, con cubetti di ghiaccio, nello shaker. Servire nel tumbler stretto, con una spirale di scorza d’arancia

Concorde
1/4 di succo di lampone, 1/4 di vermouth dry, 1/2 di gin
Agitare nel mixer, con molto ghiaccio. Servire nel calice panciuto con un bastoncino di sedano

Coronation II
1/3 di vermouth bianco, 1/3 di Dubonnet, 1/3 di gin
Agitare nel mixer, con ghiaccio abbondante. Servire nel calice basso con una scorretta di pompelmo

Cream Fizz
1/6 di panna liquida, 1/6 di succo di limone, 2/3 di gin
Agitare nel mixer, con cubetti di ghiaccio. Riempire per 2/3 il tumbler stretto, aggiungere soda ben fredda e mescolare dolcemente. Decorare infine con una fettina di limone e una scorza di pompelmo. Aggiungere (se gradita) una cannuccia

Creole Fizz
Un bianco d’uovo, 1/5 di panna liquida, 2/5 di sloe-gin, 2/5 di gin, un cucchiaio di succo di limone
Agitare nel mixer, con cubetti di ghiaccio. Riempire per 2/3 il tumbler stretto, aggiungere soda ben fredda e mescolare dolcemente. Servire con una scorza di pompelmo e (se gradita) una cannuccia

Cuba Libre
Un bicchiere da cocktail di dry gin, 1/3 di bicchiere di succo di limone, un cucchiaio di sciroppo di zucchero
Versare gli ingredienti nell’ordine in un tumbler medio. Mescolare ed unire a piacere Coca-Cola fredda

Deb
2/5 di vermouth dry, 3/5 di gin, un cucchiaio di Charteuse Verde
Agitare, con cubetti di ghiaccio, nel mixer. Servire in calice con 2 cubetti di ghiaccio

Deep Sea
1/3 di vermouth dry, 2/3 di gin, uno spruzzo di bitter all’arancia, uno spruzzo di Pernod
Agitare, con cubetti di ghiaccio, nel mixer. Servire nel calice basso, con un’oliva e una scorza di limone

Delicious Sour
1/5 di succo di limone,1/5 di cherry brandy, 3/5 di gin
Agitare, con pochi cubetti di ghiaccio, nello shaker. Riempire per metà il gotto basso, aggiungere un po’ di soda ben fredda e mescolare dolcemente. Infine aggiungere una fetta di limone e una ciliegia

Dempsey
1/3 di calvados, 2/3 di gin, 2 spruzzi di granatina, uno spruzzo di Pernod
Agitare, con poco ghiaccio, nel mixer. Servire nel calice basso con un pezzettino di mela

Derby
Gin, un cucchiaio di succo di albicocca, uno spruzzo di crème di menta
Agitare, con cubetti di ghiaccio, nello shaker. Servire nel tumbler stretto, con ghiaccio e fogli di menta

Desert
1/4 di sherry, 3/4 di gin, un cucchiaio di succo d’arancia
Agitare, con abbondanti cubetti di ghiaccio, nel mixer. Servire nel gotto basso, con una ciliegia

Diamone Fizz
1/3 di succo di pompelmo o ananas, 2/3 di gin, mezzo cucchiaio di zucchero
Agitare nel mixer, con cubetti di ghiaccio. Riempire per 2/3 un tumbler, aggiungere soda ben fredda e mescolare dolcemente; aggiungere infine una scorza di pompelmo e (se gradita) una cannuccia

Dinghi
1/3 di Gordon gin, 1/3 di Grand Marnier, 1/3 di vermouth Martini rosso
Si prepara nello shaker con ghiaccio in cubetti. Decorare con una ciliegina
(ricetta del barman Giovanni Barione)

Diki Diki
1/4 di succo di pompelmo, 1/4 di calvados, 1/2 di gin
Agitare vigorosamente e a lungo nello shaker, con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice.

Dixie
1/4 di vermouth dry, 1/4 di Pernod, 1/2 di gin, un cucchiaio di succo d’arancia
Agitare, con ghiaccio, nel mixer. Servire nel calice basso, decorando con una scorza di limone

Dory Fritz
1/4 di succo d’arancia, 1/8 di granatina, 1/8 di apricot brandy, 1/2 di gin, 2 spruzzi di limone
Scuotere nello shaker, con ghiaccio. Servire nel tumbler ampio, con una fettina d’arancia, una fettina d’ananas e 2 ciliegia sotto maraschino

Du Barry
1/3 di vermouth dry, 2/3 di gin, un cucchiaio di Pernod, uno spruzzo di angostura
Agitare nel mixer. Servire nel calice basso, con un cubetto do ghiaccio e una scorza d’arancia

Dubonnet Highball
1/3 di Dubonnet, 2/3 di gin
Preparare direttamente nel tumbler ampio, sul cui fondo si trovino già dei cubetti di ghiaccio, mescolando con l’apposito cucchiaio, poi aggiungere soda fredda e mescolare ancora, ma molto più dolcemente. Servire con scorza di limone e (se gradita) una cannuccia

Duca di Manchester
1/3 di vermouth rosso, 1/3 di vermouth bianco, 1/3 di gin
Agitare nel mixer, con ghiaccio. Servire in calice con qualche fragola

Dunhill
1/4 di vermouth dry, 1/4 di sherry, 1/2 di gin, un cucchiaio di curaçao
Agitare a lungo nello shaker, con cubetti di ghiaccio. Servire nel calice basso, aggiungendo uno spruzzo di Pernod e un’oliva

Duomo
1/3 di vermouth rosso, 1/6 di Cointreau, 1/2 di gin, 2 gocce di maraschino
Scuotere nello shaker, con cubetti di ghiaccio. Servire nel tumbler stretto, con una ciliegia sotto maraschino

Eclipse
1/4 di succo di limone, 2/4 di gin, granatina
Preparare a parte la mistura di succo di limone e gin, poi versare nel mixer dove già di trovera la granatina con ghiaccio. Mescolare molto delicatamente, di modo che gli ingredienti si mantengano divisi. Servire nal calice ampio, con una piccola scorza di limone
Elk
1/5 di vermouth dry, 2/5 di apricot brandy, 2/5 di gin
Agitare nel mixer, con poco ghiaccio. Servire nel calice basso con un cubetto di ghiaccio, o nel calice ampio con pezzetti di albicocche e una scorza di pompelmo

El Morocco
1/3 di vermouth bianco, 1/6 di bitter amaro, 1/2 di gin
Preparare direttamente nel gotto basso, con 2 cubetti di ghiaccio. Servire con una fettina d’arancia

Estasi
1/5 di crème di menta bianca, 1/5 di cherry brandy, 1/5 di Bénédictine, 2/5 di gin, un cucchiaio di panna liquida
Agitare vigorosamente e a lungo nello shaker, con cubetti di ghiaccio. Versare nel calice ampio, con una ciliegia sciroppata e una foglia di insalata rossa

Eton
1/4 di succo di limone, 1/4 di kirsch, 1/2 di gin
Agitare nel mixer, con ghiaccio. Servire nel tumbler stretto con ghiaccio

Europa Cup
1/3 di vermouth dry, 1/3 di crème di banana, 1/3 di gin
Preparare, con molto ghiaccio, nella bowl. Servire nei calici ampi, riempiendo i bicchieri a metà, aggiungendo gazzosa e decorando con frutta di stagione

Fairbank
1/3 di vermouth dry, 2/3 di gin, 2 spruzzi di crème di ananas, uno spruzzo di bitter all’arancia
Agitare nello shaker, con cubetti di ghiaccio. Servire nel calice basso, con scorza d’arancia

Fancy Smash
Gin, mezzo cucchiaio di zucchero
Agitare, con cubetti di ghiaccio, in uno shaker in cui siano state prima pressate, con un cucchiaio, alcune foglie di menta. Servire nei gotti con rametti di menta e frutta di stagione

Fior d’Arancio
2/5 di succo d’arancia, 3/5 di gin, un cucchiaino di zucchero, 2 gocce di vermouth dry
Scuotere nello shaker, con cubetti di ghiaccio. Servire in calice

Flamingo
1/8 di succo di limone, 1/8 di apricot brandy, 3/4 di gin, un cucchiaio di granatina
Scuotere nello shaker, con ghiaccio. Servire nel tumbler stretto, con un cubetto di ghiaccio e una scorza di limone

Fog Horn Rickey
1/4 di succo di limone, 3/4 di gin
Agitare, con cubetti di ghiaccio, nello shaker. Riempire il gotto basso per metà, aggiungere soda ben fredda e servire con una scorza di limone

Fun and Games
1/4 di succo di limone, 1/4 di Crème di Cassis, 1/2 di gin, uno spruzzo di bitter all’arancia
Agitare, con ghiacci, nello shaker. Servire nel calice panciuto, con un cubetto di ghiaccio, una fettina di limone, una fettina di carota e una scorza d’arancia senza il bianco dell’interno

Gibson
1/5 di vermouth dry, 4/5 di gin
Agitare nel mixer, con cubetti di ghiaccio.Servire in calice decorando con una cipollina

Gilroy
1/6 di succo di limone, 1/6 di vermouth dry, 1/3 di cherry, 1/3 di gin, uno spruzzo di bitter all’arancia
Agitare vigorosamente nello shaker, con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel tumbler stretto con scorza di limone oppure nel calice ampio con fettina d’arancia e di limone
Gilet
1/3 di succo di limone, 2/3 di gin, 2 gocce di assenzio, mezzo cucchiaio di zucchero
Agitare nel mixer, con cubetti di ghiaccio. Servire nel tumbler stretto, con una fetta di limone

Gin and Cin
2/3 di vermouth bianco, 1/3 di gin
Agitare nel mixer, con cubetti di ghiaccio. Servire, con una scorza di limone, nel calice ampio in cui già si trovi del giaccio tritato

Gin and Cola
1/4 di Coca-Cola, 3/4 di gin
Mescolare direttamente nel mixer, con pochi cubetti di ghiaccio. Servire nel tumbler stretto, con 2 cubetti di ghiaccio e una fettina di limone

Gin and It
1/3 di vermouth, 2/3 di gin
Versare direttamente nel calice basso in cui già si trovi un cubetto di ghiaccio.Servire con una scorza di limone

Gin and Orange
1/4 di succo d’arancia, 3/4 di gin
Agitare nel mixer, con ghiaccio tritato. Servire nel calice ampio, con una fettina di pompelmo e una scorza d’arancia

Gin and Tonic
Gin
Riempire per 1/3 il tumbler stretto in cui già si trovino cubetti di ghiaccio; versare acqua tonica e mescolare delicatamente con l’apposito cucchiaino. Servire con una fetta di limone

COCKTAILS A BASE DI WHISKY

Appetizer
1/3 di succo di limone, 2/3 di whisky canadese, un cucchiaio di zucchero, uno spruzzo di angostura.
Agitare nello shaker con ghiaccio. Servire con una scorretta di limone nel calice basso o nel tumbler stretto.

Arcadia
1/3 di bitter, 1/3 di vermouth, 1/3 di whisky americano.
Agitare forte nello shaker. Servire ben freddo, con l’aggiunta di ghiaccio, nei calici ampi. Lo si può eventualmente decorare con frutta di stagione in piccoli pezzi.

Baia Sardinia
1/5 di rum, 2/5 di whisky, 2/5 di brandy, 2 gocce di limone.
Mescolare nel mixer con cubetti di ghiaccio. Servire nei tumblers.

Barbary Coast
1/3 di panna liquida, 1/3 di crème di cacao, 1/3 di whisky, uno spruzzo di gin.
Agitare a lungo nello shaker. Servire freddo, senza ghiaccio, nel calice ampio, con un pizzico di cacao in polvere in superficie.

Baruffino
½ di vermouth dry, ½ di whisky
Agitare lentamente nel mixer. Servire nel tumbler stretto con mezza fetta di arancia, oppure nel calice basso con una oliva.

Basin Street
¼ di bitter, ¼ di vermouth, ½ di whisky
Miscelare nel mixer con poco ghiaccio. Servire in calice, con scorza di limone se si è usato vermouth bianco, con scorza d’arancia se si è usato quello rosso.
Bengala Lancer
Whisky americano, 2 spruzzi di angostura, mezzo cucchiaio di zucchero
Agitare con molta dolcezza nel mixer. Versare nei calici riempiendo i bicchieri a metà, aggiungere champagne ben ghiacciato, guarnire con sottilissime fettine di arancia.

Bittersweet
1/3 di succo d’arancia, 2/3 di whisky americano, mezzo cucchiaio di zucchero
Mescolare nello shaker. Servire nei tumblers aggiungendo un cucchiaio di bitter.

Blackbird
Un bianco d’uovo montato a neve, 1/3 di crème di caffè, 2/3 di whisky americano
Agitare nello shaker. Servire nel tumbler ampio.

Blacktorn
½ di vermouth dry, ½ di whisky irlandese, 2 spruzzi di assenzio
Agitare bene, con ghiaccio, nello shaker. Servire nel calice basso o nel tumbler stretto.

Boddy Burns
1/3 di vermouth bianco, 2/3 di whisky scozzese, 3 gocce di Bénédictine
Agitare con ghiaccio nello shaker. Servire nei tumblers stretti, con ghiaccio e scorza di limone.

Bolscherwhisk Frappé
1/6 di succo d’arancia, 5/6 di whisky, uno spruzzo di cherry brandy
Agitare nello shaker con molto ghiaccio. Servire nei gotti ampi, già pieni per metà di ghiaccio tritato.

Boomerang
1/3 di vermouth, 1/3 di caloric punch, 1/3 di whisky, un cucchiaio di succo di limone, uno spruzzo di angostura
Mescolare nello shaker. Servire nei tumblers con scorza di limone.

Bostour Sour
Un bianco d’uovo montato a neve, 1/5 di succo di limone, 4/5 di whisky americano, mezzo cucchiaio di zucchero
Agitare con forza nello shaker. Mettere dei cubetti di ghiaccio nei calici ampi, aggiungere soda fino a ¾, decorare con fettine di arancia e limone

Bowbells
1/3 di vermouth dry, 2/3 di whisky, 2 spruzzi di Chartreuse Gialla, uno spruzzo di angostura
Agitare nel mixer. Servire con ghiaccio nei calici ampi, decorando con ciliegie

Bowling
1/3 di whisky, 1/3 di brandy, 1/3 di vodka, 2 gocce di maraschino
Miscelare nello shaker. Servire in calice, con cristalli di ghiaccio

Brainstorm
¼ di vermouth dry, ¼ di Bénédictine, ½ di whisky
Agitare con cubetti di ghiaccio nel mixer. Servire nei calici, con scorza d’arancia

Brooklyn
½ di vermouth dry, ½ di whisky, uno spruzzo di angostura, uno spruzzo di maraschino
Agitare bene nello shaker. Servire con cristalli di ghiaccio e una fettina di limone nel calice ampio

Buffalo
1/5 di bitter, 4/5 di whisky americano, 3 gocce di succo d’arancia
Mescolare dolcemente nel mixer. Servire nel tumbler, con una fettina d’arancia e una ciliegia

Cablegram Highball
¼ di succo di limone, ¾ di whisky americano
Versare gli in gradienti direttamente nel bicchiere tumbler ampio, su alcuni cubetti di ghiaccio. Riempire con soda, poi mescolare dolcemente, infine servire con scorza di limone e (se gradita) una cannuccia
Cacciatore
½ di cherry brandy, ½ di whisky bourbon, 2 gocce di angostura
Agitare nel mixer con ghiaccio. Servire nel tumbler guarnito da una ciliegina sciroppata

Calcio di Mulo
1/5 di vermouth dry, 4/5 di whisky, 2 gocce di assenzio
Agitare con ghiaccio nello shaker. Servire nel tumbler stretto.

California
¼ di succo di limone, ¾ di whisky americano, un cicchiamo di granita, mezzo cucchiaio di zucchero
Agitare vigorosamente nello shaker. Servire nel calice ampio con ghiaccio, scorza di limone e una ciliegia

California Lemonade
1/6 di granatina, 5/6 di whisky americano, succo di limone
Agitare forte, con ghiaccio, nello shaker. Riempire per metà un calice largo, aggiungere molta soda ghiacciata, decorare con una fetta di limone, una fetta d’arancia, 2 chicchi d’uva, 2 ciliegie sciroppate.

Campo Sud
3/7 di whisky scozzese, 2/7 di gin, 2/7 di rum, una goccia di succo di limone, una goccia di vermouth bianco, una goccia di cherry brandy
Agitare nello shaker con poco ghiaccio. Servire nel flûte, con una ciliegina sotto maraschino

Canadian
¼ di curaçao, ¾ di whisky canadese, 2 gocce di angostura, mezzo cucchiaio di zucchero
Agitare con ghiaccio nello shaker. Servire nei bicchieri tumblers.

Canadian Club
1/3 di vermouth dry, 2/3 di whisky canadese, 2 goccce di angostura
Scuotere nello shaker. Servire con abbondante ghiaccio tritato nei bicchieri tumblers

C.C.C.
2/5 di Coca-Cola, 3/5 di whisky canadese
Agitare nel mixer, lentamente, con ghiaccio. Versare nel tumbler, infilando poi sul bordo del bicchiere una sottile fettina di limone

C.C.C. Number Two
2/5 di Coca-Cola, 1/5 di succo di limone, 2/5 di whisky canadese
Agitare nel mixer. Versare nel calice largo, con ghiaccio tritato, una fettina di limone, una d’arancia e una cannuccia

Champion
1/3 di vermouth dry, 1/3 di whisky, 1/6 di Bénédictine, 1/6 di curaçao
Mescolare a lungo nello shaker. Servire nel calice basso o nel tumbler stretto, con ghiaccio in cubetti e senza elementi decorativi.

Chartreuse
1/6 di vermouth dry, 2/6 di Chartreuse Gialla, un mezzo di whisky americano
Agitare con ghiaccio nel mixer. Servire nel calice basso, con una ciliegia sciroppata

Cheerio
1/3 di Grand Marnier, 2/3 di whisky americano, uno spruzzo di maraschino
Mescolare lentamente nel mixer. Servire nel flûte, con una fettina di carota e poco ghiaccio

Chelse
¼ di Parfait Amour, ¾ di whisky
Agitare con ghiaccio nel mixer. Servire nel tumbler stretto, decorato con insalata verde

Choker
1/3 di Pernod, 2/3 di whisky
Agitate nel mixer. Servire con ghiaccio nel tumbler, con una buccia di pompelmo

Churchill
1/6 di succo di limone, 1/6 di vermouth, 1/6 di Cointreau, ½ di whisky
Agitare vigorosamente nello shaker. Servire nel tumbler, con ghiaccio e un chicco d’uva

Commando
1/6 di succo di limone, 1/6 di Pernod, 1/6 di triple sec, ½ di whisky americano
Scuotere con energia nello shaker. Servire nel tumbler, con un cicco d’uva e ghiaccio

Commodore
¼ di succo di mele, ¾ di whisky americano, mezzo cucchiaio di zucchero, un cucchiaio di succo di limone, 2 spruzzi di bitter all’arancia
Miscelare nel mixer con ghiaccio. Servire con molto ghiaccio nel calice ampio, guarnendo con fettine di arancia e di limone e qualche chicco d’uva nera

Cowboy
¼ di panna liquida, ¾ di whisky americano
Agitare nello shaker. Servire nel tumbler stretto senza guarnizioni, raffreddando il bicchiere nel freezer prima di versare la miscela

Creole
¼ di porto, ¾ di whisky, 2 spruzzi di Bénédictine, uno spruzzo di granatina
Agitare con ghiaccio nel mixer. Servire riempiendo per 1/3 un tumbler ampio e aggiungendo una scorza di limone tagliata a spirale e una ciliegia

Croisette
1/3 di vermouth, 1/3 di Grand Marnier, 1/3 di whisky, un cucchiaio di Himbeergeist
Agitare con ghiaccio nello shaker. Servire in calice

Derby Fizz
Un uovo, whisky nella quantità desiderata, mezzo cucchiaio di zucchero, mezzo cucchiaio di curaçao
Agitare vigorosamente, con ghiaccio, nello shaker. Servire con altro ghiaccio riempiendo il tumbler stretto per ¾, aggiungendo soda e mescolando di nuovo, dolcemente, con l’apposito cucchiaino

Dinah
1/3 di succo di limone, 2/3 di whisky, mezzo cucchiaio di zucchero
Prima degli ingredienti mettere alcune foglie di menta nello shaker premendole con un cucchiaio. Agitare vigorosamente. Servire nei calici ampi con ghiaccio e foglie di menta

Dixie Julep
Whisky americano a piacere, uno spruzzo di angostura, uno spruzzo di bitterall’arancia
Preparare direttamente nel cup, già riempito per metà di ghiaccio tritato, con alcune foglie di menta e un poco di zucchero, mescolando dolcemente. A operazione compiuta decorare con un ramoscello di menta

Earthquake
1/5 di Pernod, 1/5 di gin, 3/5 di whisky
Scuotere nello shaker. Versare nel tumbler stretto, con una scorza di limone

Fancy Free
Whisky americano, 2 gocce di maraschino, una goccia di bitter all’arancia, una goccia di angostura
Agitare con cubetti di ghiaccio nello shaker. Versare nei tumblers stretti, con i bordi bagnati di succo di limone e spolverati di zucchero

Florida
1/3 di succo di limone, 1/3 di succo d’arancia, 1/3 di whisky americano, un cucchiaio di granatina
Agitare vigorosamente nello shaker con ghiaccio. Servire nel calice ampio, con ghiaccio tritato, decorando con una fettina d’arancia, una di limone e un ravanell
Flying Dutchman
1/8 di vermouth bianco, 1/8 di vermouth dry, ½ di whisky americano, ¼ di whisky scozzese, uno spruzzo di Cointreau
Scuotere vigorosamente nello shaker. Servire nel tumbler stretto, con scorza di limone

Francis I
4/5 di whisky americano, 1/5 di Bénédictine
Agitare nel mixer con ghiaccio. Servire con ghiaccio nel tumbler stretto, o con scorza di limone nel flûte

Francis II
¾ di whisky americano, 1/8 di inca pisco, 1/8 di Cointreau
Agitare, con ghiaccio, nello shaker. Servire nel tumbler stretto, con uno spicchio di mandarino

Frisco Sour
1/5 di succo di limone, 3/5 di whisky, 1/5 di Bénédictine
Scuotere energicamente nello shaker, con ghiaccio. Servire con ghiaccio nel calice ampio o nel tumbler ampio, riempiendo per metà e aggiungendo soda. Decorare con una fettina tonda e sottile di limone

Gold Roof
1/5 di vermouth dry, 1/5 di gin, 1/5 di curaçao, 2/5 di whisky
Agitare a lungo nello shaker con ghiaccio. Servire nel gotto alto, riempiendolo per un terzo, con un cubetto di ghiaccio e una fettina di carota

Horse’s Neck Highball
1/5 di succo di limone, 4/5 di whisky americano
Versare direttamente nel tumbler ampio, sul cui fondo siano già posti cubetti di ghiaccio. Riempire il bicchiere con soda. Mescolare dolcemente e servire con scorza di limone
Hunte
¼ di aranciata, ¼ di cherry brandy, ½ di whisky, 2 spruzzi di anisette
Miscelare a lungo nello shaker, con ghiaccio. Servire in calice, con ghiaccio tritato e una ciliegina candita
Imperial Fizz
¼ di succo di limone, ¼ di rum, ½ di whisky
Agitare vigorosamente nello shaker, con cubetti di ghiaccio. Versare, riempiendo per 2/3, nel gotto alto o nel tumbler ampio in cui già si trovi del ghiaccio tritato. Aggiungere soda. Mescolare dolcemente con l’apposito cucchiaino. Decorare con una fetta di limone e una ciliegia. Servire con una cannuccia.

Irish
2/3 di whisky irlandese, 1/6 di curaçao, 1/6 di Pernod, Un cucchiaino di maraschino, uno spruzzo di angostura
Agitare nel mixer con ghiaccio. Servire nel calice basso con una scorza d’arancia e un’oliva

Irish Coffee
1/3 di caffè caldo, 1/3 di panna montata, 1/3 di whisky irlandese
Versare direttamente nel cup o nel tumbler stretto. Se gradito, aggiungere un cucchiaino di zucchero. Mescolare lentamente e servire senza decorazioni

Irish Collins
¼ di succo di limone, ¾ di whisky irlandese, mezzo cucchiaio di zucchero
Agitare vigorosamente, con cubetti di ghiaccio, nello shaker. Versare, riempiendo per 2/3, nel gotto alto o nel tumbler ampio in cui già si trovi del ghiaccio tritato. Aggiungere soda. Decorare con una fetta di limone e una ciliegia. Servire con una cannuccia

Irish Highball
1/5 di succo di limone, 4/5 di whisky irlandese
Versare direttamente nel tumbler ampio sul cui fondo siano già posti cubetti di ghiaccio. Riempire il bicchiere con soda, mescolare dolcemente. Servire con scorza di limone, una fettina di carota e, se gradita, una cannuccia

Japanese Fizz
Un bianco d’uovo, ¼ di succo di limone, ¼ di porto, 1/3 di whisky americano
Agitare vigorosamente nello shaker, con cubetti di ghiaccio. Versare, riempiendo per 2/3, nel gotto alto o nel tumbler ampio in cui già si trovi del ghiaccio tritato. Aggiungere soda e mescolare dolcemente con l’apposito cucchiaino. Decorare con una fettina di limone, una fettina di carota e una ciliegina. Servire con una cannuccia

Jet
¼ di vermouth dry, ¼ di bitter amaro, ½ di whisky, uno spruzzo di apricot brandy
Agitare nel mixer. Servire in calice con un cubetto di ghiaccio e un pezzettino di albicocca

Judge
1/3 di apricot brandy, 2/3 di whisky americano
Agitare con ghiaccio nello shaker. Servire nel tumbler stretto, con un cubetto di ghiaccio e un pezzetto di albicocca

Junior
1/6 di succo di limone, 1/6 di Bénédictine, 2/3 di whisky, uno spruzzo di bitter all’arancia
Agitare con ghiaccio nel mixer. Servire con una fettina di arancia e una di limone, nel tumbler stretto

Katinka
1/3 di Grand Marnier, 1/3 di vodka, 1/3 di whisky
Agitare a lungo nello shaker, con ghiaccio. Servire nel flûte, precedentemente raffreddato nel freezer, con una fettina d’arancia.

Kentucky Manhat
½ di vermouth rosso, ½ di whisky bourbon, una goccia di angostura
Agitare nel mixer, con ghiaccio. Servire in calice, sprizzandovi sopra una buccia d’arancia e decorando con una ciliegina sotto maraschino

King
Un tuorlo d’uovo, ½ di porto, ½ di whisky scozzese, un cucchiaio di zucchero in polver
Scuotere con ghiaccio nello shaker. Servire in calice riempiendo i bicchieri per metà e aggiungendo champagne secco, ben freddo. Decorare con una piccola foglia di insalata ross

King Edward
1/3 di vermouth dry, 1/3 di bitter amaro, 1/3 di whisky, una goccia di angostura
Scuotere a lungo nello shaker, con ghiaccio. Servire nel calice basso, decorando con un ravanello tondo

King’s Club
¼ di fernet, 1/8 di granatina, ¾ di whisky americano
Scuotere, con ghiaccio, nello shaker. Servire nel calice ampio, con scorza d’arancia e cubetti di anancia.

Ladies
Whisky americano, 2 spruzzi di Pernod, 2 spruzzi di angostura, uno spruzzo di anisetta
Agitare poco nel mixer con ghiaccio. Servire nel tumbler stretto, con piccoli cubetti d’ananas

Leather Neck
¼ di succo di limone, ¼ di curaçao, ½ di whisky
Scuotere, con ghiaccio, nello shaker. Servire nel tumbler, con una scorza d’arancia e una fettina di limone

Liberal
2/6 di vermouth, 1/6 di Amer Picon, ½ di whisky, uno spruzzo di angostura
Agitare nel mixer. Servire nel calice basso, con un cubetto di ghiaccio e una fettina d’arancia

Los Angeles
Un uovo, ¼ di succo di imone, ¾ di whisky, uno spruzzo di vermouth, mezzo cucchiaio di zucchero
Agitare vigorosamente nello shaker, con ghiaccio. Servire nel tumbler senza decorazioni

Lowland Smash
Whisky, mezzo cucchiaio di zucchero
Agitare, con cubetti di ghiaccio, in uno shaker in cui siano state prima pressate, con un cucchiaio, alcune foglie di menta. Servire nei gotti con una fetta di limone, ramoscelli di menta e una ciliegia

Magic Trace
½ di crème di mandarino, ½ di whisky, un cucchiaio di vermouth dry, uno spruzzo di succo di limone
Agitare, con ghiaccio, nello shaker. Servire in calice, con una foglia di lattuga

Mamie Highball
¼ di succo di limone, ¾ di whisky, uno spruzzo di angostura
Preparare direttamente nel tumbler ampio sul cui fondo si trovino già cubetti di ghiaccio. Aggiungere molta soda e mescolare dolcemente. Servire con scorza di limone, una fettina di carota e la cannuccia

Mancino
1/6 di succo di limone, 5/6 di whisky, 2 gocce di anisette, un cucchiaino di zucchero in polvere
Agitare nel mixer, con cubetti di ghiaccio. Servire, con una fettina di limone, nel tumbler stretto; se gradita, si può aggiunger soda

Manhattan
1/3 di vermouth, 2/3 di whisky rye o bourbon, 2 spruzzi di angostura
Agitare, con cubetti di ghiaccio, nel mixer. Servire in calice con una ciliegia
Mahanattan
1/3 di vermouth dry, 2/3 di whisky rye o bourbon, uno spruzzo di angostura
Agitare, con cubetti di ghiaccio, nel mixer. Servire in calice con una fettina di limone

Mahanattan Dubonnet
1/3 di Dubonnet, 2/3 di whisky rye o bourbon, uno spruzzo di angostura
Agitare, con cubetti di ghiaccio, nel mixer. Servire in calice con una fettina di limone
Michelangelo
¼ di succo di limone, ¼ di bitter amaro, ½ di whisky, mezzo ciucchiamo di zucchero
Agitare, con ghiaccio, nello shaker. Servire nel calice basso, con una scorza d’arancia, una ciliegia e un cubetto di ghiaccio

Mickey Mouse
¼ di vermouth bianco, ¾ di whisky, un cucchiaio di succo di limone, uno spruzzo di sciroppo di lampone
Agitare, con ghiaccio, nello shaker. Servire nel tumbler stretto, con una ciliegina e una foglia di insalata verde

Milionario
Un bianco d’uovo, ¼ di curaçao, ¾ di whisky, una goccia di granatina
Agitare nello shaker, con molto ghiaccio. Servire nel tumbler stretto, con una scorza di limone

Milwaukee
¼ di apricot brandy, ¾ di whisky americano
Scuotere con ghiaccio nello shaker. Servire nel tumbler stretto, con una ciliegia e una fettina di carota

Modern
1/5 di succo di limone, 1/5 di rum, 3/5 di whisky, 2 spruzzi di Pernod, uno spruzzo di bitter all’arancia
Agitare a lungo, con ghiaccio, nello shaker. Servire con ghiaccio tritato nel calice ampio; decorando con una scorza di limone, una fettina d’arancia e una foglia di insalata rossa

Montecarlo
1/3 di Bénédictine, 2/3 di whisky, 2 gocce di angostura
Agitare, con cubetti di ghiaccio, nello shaker. Servire nel tumbler stretto, con un cubetto di cedro

Morning Glory
½ di cognac, ½ di whisky, mezzo cucchiaio di sciroppo di lampone, uno spruzzo di curaçao
Scuotere, con cubetti di ghiaccio, nello shaker. Servire nel flûte, con una ciliegia

Morning Glory Fizz
Un bianco d’uovo, 2/5 di anisette, 3/5 di whisky, mezzo cucchiaio di zucchero
Agitare a lungo nello shaker, con ghiaccio. Servire nel tumbler ampio, aggiungendo, direttamente nel bicchiere, Un cucchiaio di succo di cedro, e colmando con soda ben fredda

Morning Smile
Un rosso d’uovo, ½ di latte, ½ di whisky, mezzo cucchiaio di zucchero
Agitare, con cubetti di ghiaccio, nello shaker. Servire nel calice ampio con uno spruzzo di panna in superficie

Mountain
Un bianco d’uovo, 1/6 di succo di limone, 1/6 di vermouth bianco, 1/6 di vermouth dry, ½ di whisky
Agitare, con ghiaccio, nello shaker. Servire nel calice ampio, con ghiaccio tritato, 2 chicchi di uva nera, mezza ciliegia candita e una fetta di carota

Mousquetaire
1/3 di succo di limone, 1/3 di Cointreau, 1/3 di whisky
Agitare, con cubetti di ghiaccio, nello shaker. Servire in calice con 2 ciliegia, oppure nel tumbler con soda e una fettina di limone
Mustang Scaffa
½ di Bénédictine, ½ di whisky americano, uno spruzzo di angostura
Preparare direttamente nel calice basso o nel gotto basso, mescolando dolcemente. Servire a temperature ambiente, con una piccola scorza di pompelmo

New York
1/5 dis ucco di limone, 4/5 di whisky americano, un cucchiaio di peach brandy, mezzo cucchiaio di zucchero
Scuotere, con ghiaccio abbondante, nello shaker. Servire nel tumbler stretto, con scorze di limone e arancia

COCKTAILS ALLA FRUTTA

Acapulco
3/10 di tequila, 3/10 di succo d’ananas, 3/10 di succo di banana, 1/10 di Coconut Mixybar, 1 fettina d’ananas, 2 ciliegie.
Miscelare nello shaker con ghiaccio cristallino e servire in un bicchiere tumbler alto. Guarnire con una fettina d’ananas verticale con ciuffo verde e due ciliegine rosse.

After five
6/10 gin Gordon’s, 2/10 Aperol, 1/10 vermouth dry Martini, 1/10 Fruit Vodka Pompelmo Boero, uno spruzzo di scorza d’arancia.
Si prepara nel mixing glass e si serve nelle coppette da cocktail. Decorare con un ciliegina.

Alba
1/5 Cointrau, 1/5 caffè espresso Illy, 1/5 batida de cocco, panna montata.
Si prepara versando i primi tre ingredienti direttamente in un bicchiere old-fashioned con due, tre cubetti di ghiaccio ricoprendo infine con la panna montata. Guarnire la superficie del cocktail con alcuni chicchi di caffè.
Alba alpina
5/10 grappa, 3/10 menta bianca, 2/10 succo di limone, alcuni chiodi di garofano.
Si prepara nello shaker e si serve nella coppetta da cocktail.

Albatros
2/10 di succo di pesca, 4/10 di gin, 4/10 di Cointreau, una fettina di pesca.
Versare direttamente nel bicchiere tumbler alto con ghiaccio. Guarnire con una fetta di pesca.

Alfonso red
1/3 vodka, 1/3 Bitter Rossi, 1/3 succo di pompelmo.
Servire nella coppetta da cocktail e decorare con tre ciliegine rosse.
Alleluia
4/10 tequila, 2/10 maraschino, 2/10 curaçao blu, 2/10 succo di limone, gocce di albume d’uovo, limonata.
Versate gli ingredienti nello shaker e agitate aggiungendo alcuni cubetti di ghiaccio. Servite poi nei tumbler, colmando con della limonata. Guarnite con una fogliolina di menta fresca e due ciliegine.

Alpino
3/9 grappa, 2/9 infuso di menta, 2/9 succo d’arancia, 2/9 sciroppo di zucchero.
Si prepara nello shaker e si serve nella coppetta da cocktail. Decorare con frutta fresca a fantasia.

Ambizioso
3/10 frullato di fragola, 3/10 frullato di pera, 3/10 vodka liscia Artic, 1/10 Amaretto di Saronno, prosecco.
Miscelare i primi quattro ingredienti nello shaker con ghiaccio. Si serve nel tumbler alto completando con il prosecco ben freddo. Decorare con due mezze fragole, una fetta di pera sbucciata e con della mentuccia.
Andrè
1/3 Aperol, 1/3 gin Bosford, 1/3 spremuta di pompelmo, una strizzatina di scorza d’arancia.
Servire in bicchiere flùte.

Apocat
1 avocado maturo, 1,5 cucchiai di rhum, 2 cucchiai di crema di cocco, latte.
Drink cocktail di origine indonesiana. Frullare la polpa dell’avocado insieme con il rhum e la crema di cocco. Versare nel tumbler alto completando con latte freddo e cubetti di ghiaccio.

ARCADIA (Long Drink)
1/3 succo di albicocca, 1/3 succo di limone, 1/3 soda water, due gocce di granatina.
Preparare in un mixing glass e servire in un tumbler alto con ghiaccio.

Argentina
1 succo di pera Derby Blue, 5cl di latte, alcune gocce di sciroppo di menta Fabbri.
Si prepara nel bicchiere tumbler alto con cubetti di ghiaccio. Guarnire adagiando sulla bevanda alcune foglie di menta.

ARGO (After Dinner)
1/3 succo di arancia, 1/3 succo di limone, 1/3 succo di pomodoro.
Si versano gli ingredienti nello shaker con ghiaccio e servire in un tumbler basso.

Bacardi
1/10 di sciroppo di granatina, 3/10 di succo di limone (o lime), 6/10 di rhum Bacardi bianco.
Si prepara nello shaker con ghiaccio e va servito nella coppetta da cocktail.

Banana bliss
5/10 crema di banana, 5/10 Cognac.
Miscelare nel mixing glass con del ghiaccio cristallino o direttamente in un bicchiere old-fashioned sempre con cubetti di ghiaccio.
Banana daiquiri
6/10 rhum bianco, 3/10 crema di banana, 1/10 succo di limone o lime.
Si prepara nel blender con ghiaccio a scaglie frullando ad alta velocità. Versare il tutto (non filtrato) in un bicchiere old-fashioned. Decorare con mezza banana e con una cannuccia corta.

Bellini
3/10 di pesca fresca frullata, 7/10 di vino Prosecco, Champagne o spumante brut ghiacciato.
Si prepara nella flûte.

Between the sheets
1/3 rhum bianco, 1/3 Cointreau, 1/3 brandy, qualche goccia di succo di limone.
Nello shaker pieno fino a metà di ghiaccio cristallino, versare il rhum, il Cointreau e il brandy; completare con il succo di limone e agitare bene. Servire in coppette da cocktail precedentemente fatte gelare nel freezer.

BLANC DE BLANC (Wine Drink)
5/6 Spumante Italiano o Champagne, 1/6 succo di arancia, succo di limone (un cucchiaio), Angostura (uno spruzzo), ghiaccio.
Preparare Mescolare dolcemente nel mixing glass e servire in un flûte.

Bloody mary
1/10 di succo di limone, 3/10 di vodka, 6/10 di succo di pomodoro, 2 spruzzi di tabasco, 2 spruzzi di “salsa Worcestershire”, sale, pepe, sale di sedano.
Si prepara nello shaker con ghiaccio e si serve nel bicchiere old-fashioned (si può guarnire con una fettina di limone o lime).

Blue lagoon n.1
1/10 di Curaçao blue, 3/10 di succo di limone, 6/10 di vodka, 1 scorza di limone.
Si prepara nello shaker e va servito nella coppetta da cocktail. Si può guarnire con una scorzetta di limone.
Blue lagoon n.2
2/10 di Curaçao blue, 8/10 di gin, limonata, 1/2 fettina di arancia, 1 ciliegia.
Si prepara direttamente nel tumbler, con ghiaccio. Colmare con limonata e guarnire con la fettina d’arancia e la ciliegia.

Brandy Fix
1/2 Cognac, 1/4 Cherry Brandy, 1/4 succo di limone.
Preparare Shakerare e servire in tumbler riempiti di ghiaccio tritato.
Decorare con cubetti di ananas.

Bronx
1/10 di succo di arancia, 2/10 di vermut dry, 2/10 di vermut rosso, 5/10 di gin.
Si prepara nello shaker con ghiaccio e va servito nella coppetta da cocktail, oppure con cubetti di ghiaccio tritato nel bicchiere da old-fashioned.

Buck’s fizz ( mimosa )
4/10 di succo di arancia, 6/10 di Champagne ghiacciato.
Si prepara direttamente nella flûte, oppure con 2 cubetti di ghiaccio nel bicchiere tipo collins.

Bull shot
6/10 vodka, 3/10 brodo di carne o consommè denso, 1/10 succo di limone, sale di sedano, sale, pepe.
Versare in un bicchiere tumbler alto con alcuni cubetti di ghiaccio. Condire con sale, pepe e sale di sedano.

CALVADOS FIX
1/2 Calvados, 1/4 succo di ananas, 1/4 succo di limone.
Preparare Shakerare e servire in tumbler riempiti di ghiaccio tritato.
Decorare con cubetti di ananas.

Casino
3/4 dry gin, 1/12 maraschino, 1/12 orange bitter, 1/12 succo di limone.
Preparare gli ingredienti nello shaker aggiungendo pochi cubetti di ghiaccio. Agitate, poi servite nelle coppette da cocktail ben raffreddate in precedenza. Guarnite con una ciliegina, preferibilmente al maraschino.

Champagne pick-me-up
1/10 di granatina, 4/10 di succo di arancia, 5/10 di Cognac, Champagne ghiacciato.
Si prepara nello shaker e va servito nella flûte. Colmare con con lo Champagne.

CHOCOLATE DAISY
2/5 Cognac, 2/5 Porto,1/5 succo di limone,un cucchiaio di granatina.
Preparare Shakerare con ghiaccio. Servire in un bicchiere melange aggiungendo seltz e un cubetto di ghiaccio
Guarnire con cubetti di frutta fresca.

CINDRELLA (Cenerentola)
1/3 Succo di limone – 1/3 Succo d’arancia – 1/3 Succo di pesca
Versate tutti gli ingredienti nel Mixing Glass con abbondante ghiaccio tritato. Agitate poi con l’apposito cucchiaio e versate, trattenendo il ghiaccio, in un tumbler ampio.
Per completare l’opera, decorate con una fettina di limone ed una di arancia, 2 o 3 cubetti di anananas, una ciliegina ed un poco di scorza di pompelmo.

Clover club
2/3 dry gin, 1/3 granatina, succo di 1 limone, 1 albume d’uovo.
Nello shaker versate gli ingredienti con pochi cubetti di ghiaccio. Servite nelle coppette doppie da cocktail o anche nei calici da vino. Potete offrire questo cocktail come dessert.

Collins ( Tom Collins )
1 cucchiaino di zucchero, il succo di 1 limone, 4 cl di gin, soda, 1 fetta di limone, 1 ciliegia.
Si prepara direttamente nel bicchiere tipo collins, o nel tumbler con alcuni cubetti di ghiaccio. Colmare con soda e servire con la cannuccia. Guarnire con la fettina di limone e la ciliegia.
Cuba libre
3/5 di Coca-Cola, 2/5 di rhum Duquense, il succo di 1/2 limone.
Mettere due o tre cubetti di ghiaccio in un bicchiere old-fashioned; versare il succo di limone e il rhum e completare con Coca-Cola. Mescolare opportunamente e servire guarnendo con mezza fetta di limone e una cannuccia.

CURRANT SHRUB
500 g. succo di more, 300 g. di zucchero, Cognac.
Preparare In una pentola bollire togliendo la schiuma il succo di more con lo zucchero. Lasciare raffreddare e aggiungere cognac a volontà. Imbottigliare.
Servire Al momento del servizio, in tumbler piccoli, aggiungere ghiaccio e la scorza di limone.

Daiquiri
1/10 di sciroppo di zucchero (o zucchero a velo), 3/10 di succo di limone, 6/10 di rhum Bacardi bianco.
Si prepara nello shaker con ghiaccio e va servito in coppetta da cockteil o in coppa.

Diki Diki
2/3 Calvados, 1/6 punch svedese, 1/6 succo di pompelmo.
Versate gli ingredienti nello shaker con abbondante ghiaccio in cubetti. Agitate per qualche minuto. Quindi servite nelle coppette da cocktail ben ghiacciate.

East India
3/4 brandy, 1/8 curaçao, 1/8 succo d’arancia.
Agitate gli ingredienti nello shaker con pochi cubetti di ghiaccio. Servite nelle coppette doppie da cocktail guarnendo con una ciliegina al maraschino.

ELENA (Long Drink)
1/3 Gin, 1/3 Vermouth rosso, 1/3succo di arancia, water soda.
Shakerare il gin, il Vermouth ed il succo d’arancia in uno shaker, versare in un tumbler alto e colmare con soda.
ETTORE (After Dinner)
1/3 succo di arancia, 1/3 succo di limone, 1/3 succo di ananas
Si serve in un tumbler alto guarnito con pezzi di frutta.

Florida
5/10 di succo d’arancia, 3/10 di succo di limone, 2/10 di granatina.
Si prepara nello shaker con cubetti di ghiaccio cristallino e si serve nel bicchiere tumbler alto decorando con frutta di stagione.

FROZEN DAIQUIRI
1/2 Rum Bianco, 1/2 succo di limone, sciroppo di zucchero.
Preparare Versare gli ingredienti nel frullatore con ghiaccio tritato, frullare a velocità ridotta per alcuni secondi e alla massima velocità per un attimo.
Servire Versando il contenuto in un bicchiere alto con stelo guarnendo con ananas e ciliegie.
FRUIT LEMONADE (Analcolico)
2/5 succo di limone, 2/5 succo di arancia, 1/5 granatina, ghiaccio, gazzosa.
Versare gli ingredienti in uno shaker con ghiaccio e servire in tumbler alto.

Garibaldi
3/10 di Campari, 7/10 di succo d’arancia, 1 fetta di arancia (facoltativa).
Si prepara direttamente nel tumbler con cubetti di ghiaccio.

GIMLET
2/3 Gin, 1/3 succo di limone, sciroppo di zucchero.
Preparare Mescolare gli ingredienti nel mixing glass.
Servire In coppette da cocktail decorando con una fetta di limone.

Gin fizz
1 cucchiaino di zucchero, il succo di 1 limone, 4 cl di gin, soda.
Si prepara nello shaker con ghiaccio tritato e va servito nel bicchiere da highball o nel tumbler riempito per 2/3. Colmare con soda e mescolare dolcemente.
Golden dream
1 cucchiaio di panna liquida, 3/10 di succo d’arancia, 3/10 di Cointreau, 4/10 di Galliano.
Si prepara nello shaker con ghiaccio e va servito nel tumbler da cocktail grande.

Harvey wallbanger
4/10 di vodka, 6/10 di succo d’arancia, 2 cucchiaini di Galliano.
Si prepara direttamente nel bicchiere tipo collins o nel tumbler, con cubetti di ghiaccio. Versarvi il Galliano all’ultimo: deve galleggiare.

JACK’S FANCY
2/3 Tequila , 1/3 succo di limone, un cucchiaio di Crème de Cassis.
Preparare e servire con cubetti di frutta fresca.

Kir imperial
crema di lamponi, Champagne ghiacciato.
Si prepara direttamente nella flûte.

Mai – tai
1/10 di granatina, 1/10 di sciroppo d’orzata, 2/10 di succo di lime, 2/10 di Curaçao, 2/10 di rhum bianco (possibilmente della Martinica), 2/10 di rhum scuro (della Giamaica), 2 ciliegie, 1 rametto di menta fresca, pezzetti di ananas.
Si prepara direttamente nel bicchiere tipo collins o nel tumbler, riempito per 1/3 di ghiaccio tritato; guarnire con le ciliegie, l’ananas e la menta. Servire con la cannuccia.

Margarita
1/10 di succo di lime o limone, 3/10 di Cointreau, 6/10 di tequila, sale sul bordo del bicchiere.
Si prepara nello shaker con ghiaccio tritato e va servito nella coppetta da cocktail, brinata con sale.

Mary Pickford
1/2 di rhum Duquesne, 1/2 di succo d’ananas, 1 cucchiaino di granatina, 6 gocce di maraschino, 1 fetta d’ananas, 1 ciliegia.
Si prepara versando nello shaker del ghiaccio spezzettato, il succo d’ananas, la granatina, il maraschino e il rhum. Agitate vigorosamente e versare, filtrando con l’apposito passino, preferibilmente in un bicchiere flûte. Guarnire infilando su uno spiedino da cocktail uno spicchio d’ananas e una ciliegia.

MARTINI CRUSTA
3/5 Martini Bianco, 1/5 succo di pompelmo, 1/5 succo di maracujà
Preparare Mescolare gli ingredienti nel mixing glass.
Servire Versare in calici bassi con il bordo bagnato da succo d’arancia.

MENELAO (After Dinner)
1/3 succo di papaya, 1/3 succo tropicale, 1/3 Aperol, fettina di limone.
Versare gli ingredienti in uno shaker con ghiaccio e servire in tumbler alto.

MOJITO
3/4 Rum Portoricano, 1/4 succo di limone.
Preparare In un tumbler riempito per metà di ghiaccio tritato versare gli ingredienti, mescolare e decorare con ananas e un rametto di menta fresca.

Monkey gland
3/5 dry gin, 2/5 succo d’arancia, 2 gocce di granatina, 2 gocce di assenzio o Pernod o anice.
Nello shaker con alcuni cubetti di ghiaccio versate gli ingredienti. Agitate il tutto energicamente e servite nelle coppette da cocktail, precedentemente raffreddate. Potete sostituire l’assenzio con del Pernod o dell’anice.

NEW YORK
4/5 American Whiskey, 1/5 succo di limone, un cucchiaio di liquore di pesca, sciroppo di zucchero
Preparare Shakerare e servire in coppette da cocktail, guarnendo con spirali di scorza di arancia e limone.

ORANGE RICKEY
3/4 Gin, 1/4 succo di arancia, ghiaccio.
Preparare Shakerare con ghiaccio, versare il cocktail in un tumbler riempiendo il bicchiere per due terzi, aggiungere soda.
Servire Decorando con fetta di arancia.

Orange blossom
1/2 dry gin, 1/2 succo d’arancia.
Mettete nello shaker dei cubetti di ghiaccio, aggiungete gli ingredienti e agitate vigorosamente per qualche secondo. Servite nelle coppette da cocktail precedentemente raffreddate.

Oriental
2/4 rye whisky, 1/4 vermouth rosso, 1/4 curaçao bianco, 2 cucchiai da tavola di succo di limone.
Versate gli ingredienti nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Agitate energicamente eservite nel tumbler. Cocktail ideale in qualsiasi momento della giornata.
Paradise
1/10 di succo d’arancia, 3/10 di apricot brandy, 6/10 di gin.
Si prepara nello shaker con ghiaccio e va servito nella coppetta da coppetta da cocktail.

Variante Paradise
2/4 dry gin, 1/4 apricot brandy, 1/4 succo d’arancia.
Preparate questa bevanda dissetante o da sessert nello shaker con diversi cubetti di ghiaccio. Agitate energicamente per alcuni istanti, quindi servite nelle doppie coppette da cocktail ghiacciate.

PARIDE (Long Drink)
1/3 Gin, 1/3 Pernod, 1/3 succo di limone, water soda.
Versare nello shaker il gin, il Pernod ed il succo di limone, versare in un tumbler alto con ghiaccio e colmare con la soda.
PARSONS SPECIAL (Long Drink Analcolico)
6/10 succo di arancia, 2/10 sciroppo di granatina, un tuorlo d’uovo, soda water.
Preparare Shakerare gli ingredienti escludendo la soda, versare in un doppio tumbler pieno di ghiaccio e aggiungere la soda.

PARTY’S CUP
1/2 Southern Comfort, 1/6 Rum, 1/6 succo di pompelmo, 1/6 succo di ananas.
Preparare Versare il contenuto in una bowl piena di ghiaccio e mescolare.
Decorare con frutta fresca di stagione.

Piña colada
2/10 di latte di cocco, 3/10 di rhum bianco, 5/10 di succo di ananas, 1 pezzetto di ananas, 2 ciliegie.
Si prepara nel frullatore con ghiaccio tritato e va servito nel bicchiere da collins o da old fashioned. Guarnire con l’ananas e le ciliegie. Servire con la cannuccia.

Planters
1/2 rum della Giamaica, 1/2 succo d’arancia, 5 gocce di limone.
Preparatelo nello shaker con cubetti di ghiaccio e servite nelle coppette da cocktail precedentemente raffreddate.

Planter’s punch n.1
1/10 di curaçao, 1/10 di maraschino, 2/10 di succo di limone, 2/10 di succo d’ananas, 4/10 di rhum bianco, 2 cucchiaini di rhum scuro (della Giamaica), 1 fetta di ananas, 1 ciliegia.
Si prepara direttamente nel bicchiere tipo collins, o nel tumbler, con ghiaccio. Guarnire con l’ananas e la ciliegia. Versare il rhum scuro sul dorso di un cucchiaino: deve galleggiare.

PLANTERS PUNCH n.2 (Long Drink)
6/10 Rum Scuro, 1/10 sciroppo di granatina, una goccia di angostura, 3/10 succo di limone.
Preparare Shakerare con cubetti di ghiaccio (oppure mescolate direttamente nel bicchiere).
Servire nel doppio tumbler con ghiaccio riempiendo con soda water.
Servire Guarnire con una fetta di arancia e una di limone.

POLIFEMO (After Dinner)
gelato di fragola, Aperol, succo di arancia.
Versare gli ingredienti in uno shaker con ghiaccio e servire in tumbler alto.

Porto Cervo
1 spruzzo di Bitter Campari, 1 spruzzo di Cointreau, 2 gocce di Pernod, 1/2 succo di pera, 1/2 succo di pompelmo, ghiaccio.
Versare gli ingredienti nello shaker, agitare energicamente per qualche secondo. Si serve in un tumbler alto con decorazioni a piacere.

PRIAMO (Long Drink)
1/3 succo di pomodoro, 1/3 succo di arancia, 1/3 granatina.
Versare gli ingredienti in uno shaker con ghiaccio e servire in tumbler alto.

Pussy foot (analcolico)
7/10 succo d’arancia, 3/10 succo di limone, 1 tuorlo d’uovo, sciroppo di granatina.
Preparare miscelando nello shaker il succo d’arancia, il succo di limone e tuorlo d’uovo con cubetti di ghiaccio, quindi servire in tumbler alto e spruzzare con sciroppo di granatina.

QUAKER’S Cocktail
1/3 Rum, 1/3 Cognac, 1/6 succo di limone, 1/6 sciroppo di lampone.
Preparare Shakerare e versare in una copita.

Rose
2/3 vermouth dry, 1/3 kirsch, 1 goccia di sciroppo di fragola.
Nel mixing glass unite gli igredienti ad alcuni cubetti di ghiaccio e mescolate con il cucchiaino a manico allungato. Servite quindi nelle coppette da cocktail, ben ghiacciate.

RUM BUCK
3/4 Rum, 1/4 succo di limone, Ginger Ale.
Preparare Shakerare con ghiaccio il rum e il limone. Riempite per tre quarti un old fashion, aggiungere una spruzzatina di Ginger Ale e guarnite con una fetta di limone.

Rusty nail
7/10 succo di pompelmo, 3/10 vodka.
Servire in un bicchiere old-fashioned con ghiaccio. Come variante servire in un bicchiere tumbler alto orlato di sale.

Salty dog
3/10 di vodka, 7/10 di succo di pompelmo, sale sul bordo del bicchiere (facoltativo).
Si prepara direttamente nel bicchiere tipo highball o nel tumbler, con ghiaccio.

Screwdriver
4/10 di vodka, 6/10 di succo di arancia.
Si prepara direttamente nel bicchiere tipo collins o nel tumbler, con molto ghiaccio.

Shirley temple (non alcolico)
2 cl di sciroppo di granatina, ginger ale o limonata (gassosa), la scorza di 1 limone tagliata a spirale, 1 ciliegia.
Si prepara direttamente nel bicchiere tipo highball o nel tumbler. Guarnire con la ciliegia. La scorza deve pendere dal bordo del bicchiere.

SKYE RICKEY
3/4 Whisky. 1/4 succo di limone, ghiaccio.
Preparare Shakerare con ghiaccio, versare il cocktail in un tumbler riempiendo il bicchiere per due terzi, aggiungere soda.
Servire Decorando con fetta di limone.

Sidecar
1/10 di succo di limone, 3/10 di Cointreau, 6/10 di Cognac.
Si prepara nello shaker con ghiaccio e va servita nella coppetta da cocktail.

Singapore sling
4/10 di gin, 4/10 di cherry brandy, 2/10 di succo di limone, soda.
Si prepara versando nello shaker alcuni cubetti di ghiaccio cristallino assieme a gin, cherry brandy e succo di limone. Agitare vigorosamente per qualche secondo, quindi servire in un bicchiere tumbler alto completando con la soda.

Snowball
1 goccia di succo di lime Cordial, 4 cl di Advocat, un po’ di limonata, 1/2 fetta d’arancia, 2 ciliegie.
Si prepara direttamente nel tumbler o highball, con ghiaccio. Colmare con limonata e guarnire con la fetta d’arancia e le ciliegie.

Sours
7/10 bourbon whisky, 3/10 succo di limone, 1 cucchiaio di zucchero o di sciroppo di canna, un goccio di albume (facoltativo).
Si prepara nello shaker con cubetti di ghiaccio cristallino e si serve nella coppetta da cocktail ben fredda decorando con una ciliegina.

SPIDER (Wine Drink)
4/5 Vino bianco secco, 1/5 Grand Marnier, una pesca tagliata a cubetti, ghiaccio.
Preparare Mescolare dolcemente nel mixing glass e servire in un calice alto riempito per 1/3 di sidro.

Strawberry daiquiri
6/10 di rhum bianco, 3/10 di liquore di fragola, 1/10 di succo di limone o lime, 3 fragrole.
Nel blender frullare ad alta velocità tutti gli ingredienti con del ghiaccio a scaglie e versare ( non filtrato ) preferibilmente in un bicchiere old-fashioned. Decorare con una fragrola fresca e una cannuccia corta.

TEQUILA SUNRISE N.1
3/10 Tequila, 6/10 succo di arancia, 1/10 sciroppo di granatina
Preparare Direttamente in un doppio tumbler pieno di ghiaccio versare tequila e arancia, aggiungere la granatina senza girare.
Servire Con stirrer (cucchiaio lungo) e cannucce.
Tequila sunrise N.2
4/10 di tequila, 2/10 di liquore Galliano, 2/10 di liquore di banana, 1/10 di sciroppo di granatina, 1/10 di succo di limone.
Si prepara nello shaker con cubetti di ghiaccio cristallino e si serve nella doppia coppetta da cocktail o in un bicchiere old fashioned co ghiaccio in scaglie e una cannuccia.

ULISSE (After Dinner)
succo di arancia, tuorlo d¹uovo, granatina.
Versare gli ingredienti in uno shaker con ghiaccio e servire in tumbler alto.

WHISKY SOUR (Before Dinner)
4/10 Bourbon Whisky, 4/10 succo di limone, 2/10 sciroppo di zucchero di canna, gocce di chiara d’uovo.
Preparare Shakerare con cubetti di ghiaccio.
Servire in un bicchiere piccolo con stelo decorando con una ciliegia.
Varianti: si può preparare con molti altri distillati.

WHITE LADY (After Dinner)
2/10 succo di limone, 3/10 Cointreau, 5/10 Gin.
Preparare Shakerare e servire in coppette da cocktail.

ZOMBIE
1/2 Rum, 1/6 succo di arancia, 1/6 succo di ananas, 1/6 succo di limone, Apricot Brandy (un cucchiaio), ghiaccio.
Preparare Shakerare vigorosamente e servire in bicchieri gelati nel freezer.
Decorare con ananas, pesca e foglie di menta.

COCKTAILS APERITIVI

After Dinner
2/3 di cherry brandy, 1/3 di Grand Marnier, un cucchiaio di succo di limone
Agitare con poco ghiaccio in cubetti nello shaker. Servire con una scorza di limone nel calice basso

After Supper
2/3 di apricot brandy, 1/3 di curaçao, un cucchiaio di Grand Marnier, 2 spruzzi di succo di limone
Agitare energicamente nello shaker, con poco ghiaccio. Servire nel calice panciuto

Alba Alpina
1/3 di succo di limone, 1/3 di crème di menta bianca, 1/3 di grappa
Agitare velocemente nello shaker, con ghiaccio in cubetti. Servire nel flûte

American Pousse Cafè
1/5 di sciroppo di lampone, 1/5 di maraschino, 1/5 di Chartreuse Gialla, 1/5 di curaçao, 1/5 di cognac
Preparare direttamente nel flûte avendo cura che gli ingredienti non si mescolino

Angel Face
¼ di panna liquida, ¾ di crème di cacao
Agitare con ghiaccio nello shaker. Servire nel tumbler stretto

Angel Pousse Cafè
1/3 di sciroppo di lampone, 1/3 di crème di violette, 1/3 di maraschino
Preparare direttamente nel flûte curando che gli ingredienti non si mescolino

Angel Wing
1/3 di panna liquida, 1/3 di crème di cacao, 1/3 di cognac Preparare direttamente nel flûte curando che gli ingredienti non si mescolino

Anis
1/3 di anisette, 1/3 di granatina
Preparare direttamente nel gotto basso aggiungendo, a operazione compiuta, 1/3 di soda e una buccia di limone
Armagnac
¼ di Grand Marnier, ¾ di armagnac, un cucchiaio di succo di limone, uno spruzzo di bitter all’arancia
Agitare nel mixer con ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, con una scorza d’arancia

Band
½ di brandy, ½ di Bènèdictine
Preparare direttamente nel calice panciuto. Servire senza raffreddare

Baraccas Reviver
2/5 di vermouth bianco, 3/5 di fernet
Agitare, con ghiaccio, nel mixer. Servire nel tumbler stretto

Bariloche
2/7 di vermouth rosso, 1/7 di bitter amaro, 2/7 di Drambuie, 2/7 di gin
Scuotere energicamente e a lungo nello shaker, con ghiaccio in cubetti. Servire nel calice basso

Black Jack
2/5 di caffè freddo, 2/5 di kirsch, 1/5 di cognac
Agitare nel mixer con ghiaccio tritato. Servire nel gotto basso, con un pizzico di zucchero

Black Russian
2/5 di kahlua, 3/5 di vodka
Preparare direttamente nel calice basso. Servire con un cubetto di ghiaccio

Bobsleigh
1/3 di Cointreau, 2/3 di vodka
Preparare direttamente in un grande bicchiere da cocktail, riempito per metà di ghiaccio

Bols Pousse Cafè
1/8 di crème di cacao, 1/8 di crème di banana, 1/8 di crème di menta verde, 1/8 di gold liqueur, 1/8 di curaçao, 1/8 di Parfait Amour, 1/8 di apricot brandy, 1/8 di gin
Preparare direttamente nel tumbler stretto avendo cura che gli ingredienti non si mescolino

Bomber
1/8 di Cointreau, 1/8 di anisette, ¼ di vodka, ½ di cognac
Scuotere nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, decorando eventualmente con una fettina di pompelmo

Cadrin Pousse Cafè
¼ di Chartreuse Verde, ¼ di curaçao, ¼ di kirsch, ¼ di cognac
Versare lentamente nel tumbler stretto, avendo cura che gli ingredienti non si mescolimo

Caucasian
1/6 di Parfait Amour, 1/6 di Cointreau, 2/3 di vodka
Preparare nel mixer, con ghiaccio in cubetti. Servire in calice

Champs Elysèes
1/5 di succo di limone, 1/5 di Chartreuse Verde, 3/5 di cognac, uno spruzzo di bitter all’arancia
Agitare energicamente nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, con una fettina d’arancia e una lunga scorza di limone

Charly Max
1/5 di limonata gassata, 4/5 di champagne, uno spruzzo di angostura
Agitare molto lentamente, nel mixer, con ghiaccio in cubetti. Servire nel calice basso, aggiungendo una o due fettine di limone

Chevalier
1/5 di vermouth dry, 1/5 di succo d’arancia, 1/5 di Grand Marnier, 1/5 di rum, 1/5 di cognac
Agitare vigorosamente nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice ampio, con una spirale di buccia di arancia
Chicken’s Pride
1/3 di crème di cacao, 1/3 di advockaat, 1/3 di vodka
Agitare, con ghiaccio, nello shaker. Servire nel flûte

Cointreau
¼ di succo di limone, ¼ di Cointreau, ½ di cognac
Agitare nel mixer con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, con scorza di limone e di pompelmo

Cointreau Daiquiri
¼ di succo di limone, 2/4 di Cointreau, ¼ di rum
Agitare nel mixer con ghiaccio tritato. Servire nel tumbler stretto, con una scorza di limone

Comet
¼ di succo di limone, ¼ di Drambuie, ½ di cognac
Agitare nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, con una fettina di limone

Creole
¼ di sciroppo di lampone, ¼ di maraschino, ¼ di Chartreuse Verde, ¼ di Chartreuse Gialla
Agitare nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel gotto basso, vcom un cubetto di ghiaccio e una ciliegina

Donald Duck
1/3 di crème di cacao, 1/3 di Cointreau, 1/3 di cognac
Versare direttamente nel tumbler stretto, con molta lentezza, in modo che gli ingredienti non si mescolino

Dream
1/3 di curaçao, 2/3 di cognac, uno spruzzo di anisette
Agitare nel mixer. Servire nel calice panciuto, con o senza ghiaccio

Emperor
1/3 di granatina, 1/3 di maraschino, 1/3 di Chartreuse Verde
Versare con molta delicatezza nel tumbler stretto in modo che gli ingredienti non si mescolino

Fernet
2/3 di fernet, 1/3 di cognac, uno spruzzo di angostura
Agitare nel mixer con un cubetto di ghiaccio. Servire nel tumbler stretto

Fog Cutter
1/6 di succo di limone, 1/6 di succo d’ananas, ½ di rum, 1/6 di cognac
Agitare a lungo nel mixer con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto con un cucchiaio di Grand Marnier

Forbidden
¼ di crème di cacao, ¼ di crème di vaniglia, ½ di cognac
Agitare vigorosamente nello shaker. Servire nel calice panciuto

Fox Trot
1/3 di succo di limone, 2/3 di rum, uno spruzzo di curaçao
Agitare nello shaker. Servire nel tumbler stretto, con una scorza di limone

Gamba di Legno
1/3 di Cointreau, 1/3 di sambuca, 1/3 di triple sec
Agitare nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel gotto basso, con una cubetto di ghiaccio

Gritti
1/3 di bitter amaro, ½ di vermouth dry, 1/6 di china
Scuotere nello shaker. Servire nel tumbler stretto, con uno spruzzo di seltz e una scorza d’arancia
Habanera
1/5 di succo di limone, 1/5 di anisette, 3/5 di rum
Scuotere nello shaker. Servire nel gotto basso, con un cubetto di ghiaccio e una scorza di limone

Honeymoon
½ di calvados, ½ di Bènèdictine, 2 cucchiai di succo di limone, 2 spruzzi di curaçao
Agitare nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel flûte

Hurricane
1/5 di anisette, 1/5 di vodka, 3/5 di cognac
Agitare nello shaker. Servire nel calice panciuto, con una ciliegia

Ice Coffee
Caffè, mezzo cucchiaio di zucchero, 2 gocce di vermouth dry, una goccia di gin
Preparare direttamente nel gotto basso, con ghiaccio tritato

Itchiban
Un uovo, 1/5 di crème di cacao, 4/5 di cognac
Agitare con cubetti di ghiaccio di shaker. Servire nel calice panciuto, con un pizzico di noce moscata grattugiata all’ultimo momento

Jersey
1/3 di Chartreuse Verde, 2/3 di cognac
Agitare a lungo nel mixer con poco ghiaccio tritato. Servire nel calice ampio

Karate
1/5 di crème di mandarino, 2/5 di di Drambuie, 2/5 di cognac, una goccia di angostura
Agitare nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire in calice con una fetta di mandarino

Kiss Me Quick
4/5 di Pernod, 1/5 di curaçao, uno spruzzo di angostura
Agitare, con poco ghiaccio tritato, nel mixer. Servire nel calice basso

Late Night Special
2/5 di succo d’ananas, 1/5 di mandarino, 2/5 di kirsch
Agitare, con poco ghiaccio in cubetti, nel mixer. Servire nel gotto basso, con un cubetto d’ananas e foglia d’insalata
Leave It to Me
1/8 di sciroppo di lampone, 1/8 di succo di limone, ¾ di cognac
Scuotere nello shaker. Servire nel calice panciuto

Lola
2/5 di succo d’arancia, 1/5 di gin, 2/5 di china
Scuotere vigorosamente nello shaker con uno o due cubetti di ghiaccio. Servire nel tumbler stretto con una lunga spirale di scorza d’arancia

 

COCKTAILS DIGESTIVI

After Dinner
Due terzi di cherry brandy; un terzo di Grand Marnier; un cucchiaio di succo di limone.
Agitare con poco ghiaccio in cubetti nello shaker. Servire con una scorza di limone nel calice basso.

Angel Face
Un quarto di panna liquida; tre quarti di créme di cacao
Agitare con ghiaccio nello shaker. Servire nel tumbler stretto.

After Supper
Due terzi di apricot brandy; un terzo di curacao; un cucchiaio di Grand Marnier; due spruzzi di succo di limone.
Agitare energicamente nello shaker, con poco ghiaccio. Servire nel calice panciuto.

Angel Pousse Café
Un terzo di sciroppo di lampone; un terzo di créme di violette; un terzo di ma-raschino.
Preparare direttamente nel flùte curando che gli ingredienti non si mescolino.

Angel Wing
Un terzo di panna liquida; un terzo di créme di cacao; un terzo di cognac.
Preparare direttamente nel flùte curando che gli ingredienti non si mescolino.

Alba Alpina
Un terzo di succo di limone; un terzo di créme di menta bianca; un terzo di grappa.
Agitare velocemente nello shaker, con ghiaccio in cubetti. Servire nel flute.

American Pousse Café
Un quinto di sciroppo di lampone; un quinto di maraschino; un quinto di Chartreuse Gialla; un quinto di curacao; un quinto di cognac.
Preparare direttamente nel flute avendo cura che gli ingredienti non si mescolino.

Anis
Un terzo di anisette; un terzo di granatina.
Preparare direttamente nel gotto basso aggiungendo, a operazione compiuta, un terzo di soda e una buccia di limone.

Àrmagnac
Un quarto di Grand Marnier; tre quarti di armagnac; un cucchiaio di succo di limone; uno spruzzo di bitter all’arancia.
Agitare nel mixer con ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, con una scorza d’arancia.

Band
Un mezzo di brandy; un mezzo di Bénédictine.
Preparare direttamente nel calice panciuto. Servire senza raffreddare.

Baraccas Reviver
Due quinti di vermouth bianco; tre quinti di fernet.
Agitare, con ghiaccio, nel mixer. Servire nel tumbler stretto.

Bobsleigb
Un terzo di Cointreau; due terzi di Vodka
Preparare direttamente in un grande bicchiere da cocktail, riempito per metà di ghiaccio.

Bols Pousse Café
Un ottavo di créme di cacao; un ottavo di crème di banana; un ottavo di crème di menta verde; un ottavo di gold liqueur; un ottavo di curacao; un ottavo di Parfait Amour; un ottavo di apricot brandy; un ottavo di gin.
Preparare direttamente nel tumbler stretto avendo cura che gli ingredienti non si mescolino.

Bariloche
Due settimi di vermouth rosso; un settimo di bitter amaro; due settimi di Drambuie; due settimi di gin.
Scuotere energicamente e a lungo nello shaker, con ghiaccio in cubetti. Servire nel calice basso.

Bomber
Un ottavo di Cointreau; un ottavo di anisette; un quarto di vodka; un mezzo di cognac.
Scuotere nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, decorando eventualmente con una fettina di pompelmo.

Cadrin Pousse Café
Un quarto di Chartreuse Verde; un quarto di curacao; un quarto di kirsch; un quarto di cognac.
Versare lentamente nel tumbler stretto, avendo cura che gli ingredienti non si mescolino.
Black Jack
Due quinti di caffè freddo; due quinti di kirsch; un quinto di cognac.
Agitare nel mixer con ghiaccio tritato. Servire nel gotto basso, con un pizzico di zucchero.

Black Russian
Due quinti di kahlua; tre quinti di vodka.
Preparare direttamente nel calice basso. Servire con un cubetto di ghiaccio.

Caucasian
Un sesto di Parfait Amour; un sesto di Cointreau; due terzi di vodka.
Preparare nel mixer, con ghiaccio in cubetti. Servire in calice.

Cbicken’s Pride
Un terzo di créme di cacao; un terzo di advockaat; un terzo di vodka.
Agitare, con ghiaccio, nello shaker. Servire nel flùte.

Cointreau
Un quarto di succo di limone; un quarto di Cointreau; un mezzo di cognac.
Agitare nel mixer con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, con scorza di limone e di pompelmo.

Champs Elysées
Un quinto di succo di limone; un quinto di Chartreuse Verde; tre quinti di cognac; uno spruzzo di bitter all’arancia.
Agitare energicamente nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, con una fettina d’arancia e una lunga scorza di limone.

Cointreau Daiquiri
Un quarto di succo di limone; due quarti di Cointreau; un quarto di rum.
Agitare nel mixer con ghiaccio tritato. Servire nel tumbler stretto, con una scorza di limone.

Charly Max
Un quinto di limonata gassata; quattro quinti di champagne; uno spruzzo di angostura.
Agitare molto lentamente, nel mixer, con ghiaccio in cubetti. Servire nel calice basso, aggiungendo una o due fettine di limone.

Comet
Un quarto di succo di limone; un quarto di Drambuie; un mezzo di cognac.
Agitare nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, con una fettina di limone.

Chcvalicr
Un quinto di vermouth dry; un quinto di succo d’arancia; un quinto di Grand Marnier; un quinto di rum; un quinto di cognac
Agitare vigorosamente nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice ampio, con una spirale di buccia di arancia.

Creole
Un quarto di sciroppo di lampone; un quarto di maraschino; un quarto di Chartreuse Verde; un quarto di Chartreuse Gialla.
Agitare nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel gotto basso, con un cubetto di ghiaccio e una ciliegina.

Donald Duck
Un terzo di crème di cacao; un terzo di Cointreau; un terzo di cognac.
Versare direttamente nel tumbler stretto, con molta lentezza, in modo che gli ingredienti non si mescolino.

Forbidden
Un quarto di crème di cacao; un quarto di créme di vaniglia; un mezzo di cognac.
Agitare vigorosamente nello shaker. Servire nel calice panciuto.

Dream
Un terzo di curacao; due terzi di cognac; uno spruzzo di anisette.
Agitare nel mixer. Servire nel calice panciuto, con o senza ghiaccio.

Fox Tro
Un terzo di succo di limone; due terzi di rum; uno spruzzo di curacao.
Agitare nello shaker. Servire nel tumbler stretto, con una scorza di limone.
Emperor
Un terzo di granatina; un terzo di ma-raschino; un terzo di Chartreuse Verde.
Versare con molta delicatezza nel tumbler stretto in modo che gli ingredienti non si mescolino.

Gamba di Legno
Un terzo di Cointreau; un terzo di sambuca; un terzo di triple sec.
Agitare nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel gotto basso, con un cubetto di ghiaccio.

Fernet
Due terzi di Fernet; un terzo di cognac; uno spruzzo di angostura.
Agitare nel mixer con un cubetto di ghiaccio. Servire nel tumbler stretto.

Gritti
Un terzo di bitter amaro; un mezzo di vermouth drv; un sesto di china.
Scuotere nello shaker. Servire nel turnbler stretto, con uno spruzzo di seltz e una scorza d’arancia.

Fog Cutter
Un sesto di succo di limone; un sesto di succo di ananas; un mezzo di rum; un sesto di cognac.
Agitare a lungo nel mixer con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto con un cucchiaio di Grand Marnier.

Habanera
Un quinto di succo di limone; un quinto di anisette; tre quinti di rum. Scuotere nello shaker.
Servire nel gotto basso, con un cubetto di ghiaccio e una scorza di limone.

Honeymoon
Un mezzo di calvados; un mezzo di Bénédictine; due cucchiai di succo di limone; due spruzzi di curacao.
Agitare nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel flùte.
Karate
Un quinto di crème di mandarino; due quinti di Drwnbuie, due quinti di cognac, una goccia di angostura.
Agitare nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire in calice con una fetta di mandarino.

Hurricane
Un quinto di anisette; un quinto di vodka; tre quinti di cognac.
Agitare nello shaker. Servire nel calice panciuto, con una ciliegia.

Kiss Me Quick
Quattro quinti di Pernod; un quinto di curacao; uno spruzzo di angosura.
Agitare, con poco ghiaccio tritato, nel mixer. Servire nel calice basso.

Ice Coffee
Caffè; mezzo cucchiaio di zucchero; due gocce di vermouth dry; una goccia di gin.
Preparare direttamente nel gotto basso, con ghiaccio tritato.

Late Night Special
Due quinti di succo d’ananas; un quinto di maraschino; due quinti di kirsch.
Agitare, con poco ghiaccio in cubetti, nel mixer. Servire nel gotto basso, con cubetto di ananas e foglia d’insalata.

ltchiban
Un uovo; un quinto di crème di cacao; quattro quinti di cognac.
Agitare con cubetti di ghiaccio nello shaker. Servire nel calice panciuto, con un pizzico di noce moscata grattugiata all’ultimo momento.

Leave It to Me
Un ottavo di sciroppo di lampone; un ottavo di succo di limone; tre quarti di cognac.
Scuotere nello shaker. Servire nel calice panciuto

Jersey
Un terzo di Chartreuse Verde; due terzi di cognac.
Agitare a lungo nel mixer con poco ghiaccio tritato. Servire nel calice ampio.

Lola
Due quinti di succo d’arancia; un quinto di gin; due quinti di china.
Scuotere vigorosamente nello shaker con uno o due cubetti di ghiaccio. Servire nel tumbler stretto con una lunga spirale di scorza d’arancia.

Long Whistle
Un quarto di latte; tre quarti di cognac; mezzo cucchiaio di zucchero.
Agitare vigorosamente nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel tumbler stretto, con un pizzico di noce moscata.

Monkey’s Pick Me Up
Un sesto di Pernod; cinque sesti di Fernet.
Agitare nello shaker con cubetti di ghiaccio. Servire nel tumbler stretto, con una scorza di pompelmo.

Mar del Plata Pousse Café
Un rosso d’uovo; un mezzo di Chartreuse Gialla; un mezzo di cognac.
Versare direttamente nel tumbler stretto in modo che gli ingredienti non sì mescolino tra loro; il bicchiere può essere raffreddato precedentemente nel frigorifero, ma non troppo.

New Long
Un quarto di succo d’arancia; un quarto di vermouth dry; un quarto di triple sec; un quarto di vodka; una zolletta di zucchero; uno spruzzo di angostura.
Scuotere nello shaker con cubetti di ghiaccio. Servire nel calice basso, con due ciliegine sotto maraschino, una buccia d’arancia e una di limone

Night Cap
Un rosso d’uovo; un quarto di curacao; un quarto di anisette; un mezzo di cognac.
Scuotere nello shaker con ghiaccio in cubetti. Servire nel calice ampio.
Maurizio
Un quarto di cherry brandy; un quarto di sherry; un quarto di whisky; un quarto di vodka.
Agitare vigorosamente nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, con due fette d arancia e un pizzico di zucchero.

Non Plus Ultra Pousse Café
Un quarto di crème di vaniglia; un quarto di Bénédictine; un quarto di Chartreuse Verde; un quarto di cognac.
Versare direttamente nel flùte in modo che gli ingredienti non si mescolino tra loro.

Miramare
Un quarto di vermouth rosso; un quarto di vermouth dry; un mezzo di vodka; uno spruzzo di sciroppo d’amarena.
Preparare nel mixer, con ghiaccio tritato. Servire in calice con una buccia di limone spremuta nel bicchiere.

Olandese
Un terzo di curacao; due terzi di Cognac; una goccia di bitter all’arancia.
Agitare nel mixer con cubetti di ghiaccio. Servire nel calice panciuto, con una fettina d’arancia e una scorza d’arancia precedentemente spremuta nel bicchiere.

Provolino
Un terzo di succo di pompelmo; un sesto di cordial; un mezzo di brandy; due gocce di granatina.
Agitare nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, con una fetta di pompelmo e una scorza di limone.

Perroquet
Un mezzo di vermouth dry; un quarto di curacao; un quarto di Cointreau; uno spruzzo di fernet.
Agitare vigorosamente nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice basso.
Quickly
Un quinto di curacao; due quinti di sambuca; due quinti di cognac; uno spruzzo di angostura.
Agitare vigorosamente nello shaker. Servire in calice, con o senza un cubetto di ghiaccio.

Racer
Un mezzo di caffè; un mezzo di Cointreau.
Preparare direttamente nel calice panciuto, mescolando con l’apposito cucchiaino. Servire con panna montata.

Pousse Café Parisienne
Un quinto di sciroppo di lampone; un quinto di maraschino; un quinto di curacao rosso; un quinto di Chartreuse Gialla; un quinto di champagne.
Versare lentamente gli ingredienti nel flùte in modo che non si mescolino tra loro. Il bicchiere va precedentemente raffreddato, ma non troppo, nel frigorifero.

Rainbow Pousse Café
Un settimo di crème di cacao; un settimo di crème di violette; un settimo di Chartreuse Gialla; un settimo di maraschino; un settimo di Bénédictine; un settimo di Chartreuse Verde; un settimo di cognac.
Versare direttamente nel tumbler stretto, in modo che gli ingredienti non si mescolino. Il bicchiere va precedentemente raffreddato nel frigorifero.

Pousse l’Amour
Un rosso d’uovo; uno spruzzo di granatina; un quarto di maraschino; tre quarti di cognac.
Versare gli ingredienti direttamente nel calice panciuto, in modo che non si mescolino tra loro. Il bicchiere va precedentemente raffreddato, ma non troppo, nel frigorifero.

Rugby
Un terzo di Chartreuse Gialla; un terzo di curacao; un terzo di cognac.
Versare direttamente nel calice panciuto, in modo che gli ingredienti non si mescolino. Il bicchiere va precedentemente raffreddato nel frigorifero, ma non troppo.
Skol
Un mezzo di calorie punch, un mezzo di anisette; un cucchiaio di succo di limone.
Agitare nel mixer con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel flute con una lunga scorza di limone.

Smeraldo
Due quinti di vermouth dry; un quinto di curacao blu; due quinti di vodka.
Agitare nello shaker con ghiaccio in cubetti. Servire nel flute con un cubetto di ghiaccio, una spirale di scorza d’arancia, una fetta di pompelmo e una ciliegia.

September Song
Un bianco d’uovo; un quarto di succo di limone; tre quarti di rum; un cucchiaio di granatina.
Agitare vigorosamente nello shaker con ghiaccio in cubetti. Servire nel gotto basso.

Stars and Stripes
Un terzo di Crème de Cassis; un terzo di maraschino; un terzo di Chartreuse Verde.
Versare direttamente nel calice panciuto precedentemente raffreddato, ma non troppo, in frigorifero, avendo cura che gli ingredienti non si mescolino tra loro.

Sera di gala
Un mezzo di Créme de Cassis; un mezzo di Cointreau.
Versare dolcemente nel bicchiere a calice per evitare che i due ingredienti si mescolino. Completare con champagne e decorare con una ciliegina sotto spirito.

Sidecar
Un quarto di succo di limone; un quarto di Cointreau; un mezzo di cognac.
Agitare nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, con cubetti di ghiaccio.
Stinger
Un terzo di créme di menta bianca; due terzi di cognac.
Agitare nello shaker con poco ghiaccio. Servire nel calice panciuto, aggiungendo direttamente nel bicchiere (se gradite) tre o quattro gocce di succo di limone.

Sunrise
Un quarto di granatina; un quarto di Chartreuse Verde; un quarto di crème di violette; un quarto di Cointreau.
Scuotere vigorosamente nello shaker con ghiaccio in cubetti. Servire in calice con ghiaccio e una scorza di limone.

Trieste
Un terzo di bitter all’arancia; un sesto di kirsch; un mezzo di cognac.
Agitare nello shaker con ghiaccio. Servire nel calice panciuto, con una ciliegia.

Vodka Stinger
Un terzo di créme di menta bianca; due terzi di vodka.
Agitare nello shaker con due cubetti di ghiaccio. Servire nel flùte.

Svelto
Un quinto di succo di pompelmo; due quinti di Mazarine; due quinti di cognac.
Agitare nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice ampio, con una scorza di limone.

Voronot
Un ottavo di succo di limone; un ottavo di Cointreau; tre quarti di vodka.
Agitare nello shaker. Servire nel flùte con un cubetto di ghiaccio.

Tops Top
Un ottavo di cherry brandy; un ottavo di Drambuie; tre quarti di brandy; due gocce di succo di limone; una goccia di anisette.
Agitare nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, con una scorza di limone.

What a Life
Un terzo di kimmel; due terzi di cognac.
Agitare nel mixer. Servire nel calice panciuto, con o senza un cubetto di ghiaccio.

Tosca
Un sesto di succo di limone; un sesto di maraschino; due terzi di brandy; un cucchiaino di zucchero.
Agitare con ghiaccio nello shaker. Servire nel calice panciuto, con un cubetto di ghiaccio.

Whicli Way
Un terzo di Pernod; un terzo di anisette; un terzo di cognac.
Agitare nello shaker con poco ghiaccio tritato. Servire nel flùte

Wild Squirrel
Un sesto di caffè; un sesto di crème di menta bianca; due terzi di créme di caffè.
Scuotere con ghiaccio tritato, nello shaker. Servire nel gotto basso.

Yodel
Un mezzo di succo d’arancia; un mezzo di fernet.
Agitare nello shaker con cubetti di ghiaccio. Riempire per metà il tumbler stretto e aggiungere soda.

 

COCKTAILS DISSETANTI

Absinthe
Pernod; un cucchiaio di anisette.
Scuotere nello shaker con cubetti di ghiaccio. Servire nel tumbler stretto, con una scorza di limone.

Absinthe Frappé
Due terzi di Pernod; un terzo di anisette.
Scuotere, energicamente, nello shaker, con ghiaccio in cubetti. Servire nel gotto già riempito di ghiaccio tritato.

Acapulco
Un quarto di succo di limone; un quarto di succo d’ananas; un quarto di triple sec; un quarto di tequila.
Agitare nello shaker, con ghiaccio tritato. Servire nel calice ampio, con cubetti di ananas, uno spicchio di limone e una fettina di carota.

Acapulco Sour
Un quarto di succo di limone; tre quarti di tequila; mezzo cucchiaio di zucchero.
Scuotere nello shaker, con ghiaccio tritato. Servire nel calice ampio con un po’ di soda, una fetta di limone, una foglia d’insalata verde e una ciliegia.

Adriatico
Un decimo di crème di cacao bianca; tre decimi di crème di menta verde; tre quinti di vodka; due gocce di limone.
Agitare con forza nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel calice ampio, con due cubetti di ghiaccio e una fetta di limone. Aggiungere. eventualmente, un spruzzo di seltz ben freddo.

Alternativa
Due quinti di succo di limone; un quinto di sciroppo di lampone; due quinti di rum; due cucchiaini di zucchero.
Agitare nel mixer, con ghiaccio tritato. Servire nel calice ampio. con uno spruzzo di seltz ben freddo. una fettina di li mone e un bastoncino di sedano.

American Lemonade
Un terzo di succo di limone; due terzi di porto.
Agitare nello shaker con ghiaccio in cubetti. Servire nel tumbler ampio con un po’ di ghiaccio tritato, uno spruzzo di soda, una fetta d’arancia. una fetta di limone e una ciliegina sciroppata.
Apple Brandy
Un quarto di succo di limone; un quarto di sciroppo di lampone; un mezzo di calvados.
Scuotere energicamente e a lungo nello shaker, con ghiaccio in cubetti. Servire nel gotto alto, con una fettina di limone e tre o quattro fettine di cetriolo.

Apple Pie
Un mezzo di vermouth rosso; un mezzo di rum; un cucchiaio di succo di limone; un cucchiaio di apricot brandy; mezzo cucchiaio di granatina.
Agitare nel mixer, con ghiaccio tritato. Servire nel calice ampio, precedentemente raffreddato nel frigorifero, con un’albicocca tagliata in quattro parti.

Apricot
Quattro quinti di apricot brandy; un quinto di gin; un cucchiaio di succo di limone; un cucchiaio di succo d’arancia; uno spruzzo di granatina.
Servire nel tumbler ampio, con una fettina di albicocca, una scorza d’arancia e una di limone.

Apricot Cooler
Un terzo di succo di limone; due terzi di apricot brandy; due spruzzi di granatina; mezzo cucchiaio di zucchero.
Agitare nello shaker, con poco ghiaccio tritato. Servire nel tumbler ampio, con due cubetti di ghiaccio e pezzetti di frutta di stagione, riempiendo il bicchiere a metà e aggiungendo all’ultimo momento soda ben fredda.

Babele
Un mezzo di champagne; un sesto di maraschino; un sesto di Chartreuse Gialla; un sesto di cognac.
Agitare delicatamente nel mixer, con ghiaccio in cubetti. Servire in calice con fettine d’arancia. di ananas, di anguria e due ciliegine sotto maraschino.

Bacardi
Un quarto di succo di limone; tre quarti di rum; un cucchiaio di granatina; un cucchiaino di zucchero.
Agitare nei mixer, con ghiaccio tritato. Servire nel gotto basso, o nel calice basso, con una scorza di limone.

Balalaika
Un quarto di succo di limone; un quarto di Cointreau; un mezzo di rum; un cucchiaio di succo d’arancia.
Agitar nel mixer, con ghiaccio tritato. Servire nel gotto basso con una scorza d’arancia.

Barbotage
Un quarto di succo d’arancia; un quarto di succo d’ananas; un quarto di Cointreau; un quarto di cognac.
Scuotere nello shaker, con cubetti di ghiaccio. Servire, con ghiaccio tritato, nel calice ampio decorando con una fetta di ananas.

Batida de Coco
Un mezzo di latte di cocco; un mezzo di cachaca; la polpa di un cocco frullata; mezzo cucchiaio di zucchero.
Mescolare nel mixer, con ghiaccio tritato. Servire nel gotto alto.

Bazooka Highball
Rum; due spruzzi di curacao.
Preparare direttamente nel tumbler ampio, con alcuni cubetti di ghiaccio e molta soda, mescolando dolcemente. Servire con una scorza di limone.

Beachcomber
Un sesto di succo di limone; un sesto di maraschino; due terzi di rum.
Agitare nello shaker, con ghiaccio tritato. Servire nel gotto basso, con mezzo limone tagliato a fettine.

Beer Sangaree
Birra ghiacciata; un cucchiaio di porto; mezzo cucchiaio di zucchero.
Mescolare dolcemente nel mixer, con poco ghiaccio tritato. Servire nel cup con un pizzico di noce moscata.

Bellini
Un mezzo di succo di pesca; un mezzo di champagne.
Preparare direttamente nel tumbler ampio, in precedenza raffreddato nel frigorifero, mescolando delicatamente.

Bergerac Frappé
Vino bianco secco; due cucchiai di miele.
Scuotere energicamente nello shaker, con cubetti di ghiaccio. Servire nel gotto alto già riempito di ghiaccio tritato.

Betsy Ross
Un mezzo di porto; un mezzo di cognac; due gocce di angostura; una goccia di curacao.
Scuotere nello shaker con ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto con cubetti di ghiaccio.

Biarritz
Un quarto di succo d’ananas; un quarto di curacao; un mezzo di cognac.
Agitare nello shaker con ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, con cubetti di ananas e una fetta di pera.

Big Boy
Un terzo di succo d’arancia; un terzo di triple sec; un terzo di cognac.
Scuotere nello shaker con poco ghiaccio tritato. Servire nel calice ampio, con un cubetto di ghiaccio e due spicchi di limone tagliati a metà.

Black Button
Un rosso d’uovo; un quarto di granatina; un quarto di Amer Picon; un mezzo di Chartreuse Gialla.
Scuotere nello shaker, con molto ghiaccio in cubetti. Servire nel calice ampio, con due fettine d’arancia, una fettina di pompelmo e un bastoncino di sedano dentro il bicchiere.

Black Fantasy
Un mezzo di vermouth rosso; un quarto di Crème de Cassis; un quarto di Pernod.
Agitare nello shaker, con poco ghiaccio tritato. Servire nel tumbler stretto, con un cubetto di ghiaccio e una sottile fetta di limone.

Black Velvet
Un mezzo di birra scura; un mezzo di champagne.
Preparare direttamente nel calice ampio. Sia gli ingredienti che il bicchiere devono essere stati precedentemente ben raffreddati. Mescolare delicatamente e servire senza decorazione.

Black Widow
Un quarto di succo di limone; un quarto di southern comfort; un mezzo di rum; due cucchiai di sciroppo di orzata.
Scuotere vigorosamente nello shaker con due cubetti di ghiaccio. Servire nel gotto basso, con tre cubetti di ghiaccio e una scorza di limone.

Blanche de Blanche
Un sesto di succo d’arancia; cinque sesti di champagne; un cucchiaio di succo di limone; uno spruzzo di angostura.
Mescolare dolcemente nel mixer con ghiaccio in cubetti. Servire nel calice ampio.

Blast 0ff
Un bianco d’uovo montato a neve; un quarto di succo di limone; un quarto di succo d’ananas; un mezzo di southern comfort.
Scuotere nello shaker con ghiaccio in cubetti. Servire nel tumbler ampio, con un cubetto di ghiaccio, una fetta di limo­ne, un cubetto d’ananas e una ciliegia.

Bolero
Due quinti di succo di limone; due quinti di rum; un quinto di cognac; due spruzzi di bitter all’arancia.
Agitare nel mixer con ghiaccio in cubetti. Servire nel gotto basso con una fettina d’arancia.

Bon Soir Highball
Un mezzo di crème di ivette; un mezzo di Bénédictine.
Preparare direttamente nel gotto alto con alcuni cubetti di ghiaccio e molta soda. Mescolare dolcemente. Servire con una ciliegina sciroppata.
Braccobaldo
Un terzo di succo d’arancia; un terzo di succo d’ananas; un terzo di bitter amaro.
Agitare nel mixer con molto ghiaccio in cubetti. Servire nel tumbler ampio, con una fetta di ananas.

Brandy Collins
Un quarto di succo di limone; tre quarti di cognac; mezzo cucchiaio di zucchero.
Scuotere nello shaker con molto ghiaccio in cubetti. Servire nel tumbler ampio, riempiendo il bicchiere a metà. Aggiungere molta soda e servire con una fetta di limone e una ciliegia.

Brandy Cooler
Un quinto di succo di limone; quattro quinti di cognac; due spruzzi di curacao.
Agitare direttamente nel gotto alto, riempire con soda e servire con cubetti di frutta di stagione e una spirale di limone.

Brandy Fix
Un quarto di succo di limone; un quarto di cherry brandy; un mezzo di cognac.
Agitare nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel gotto alto già riempito di ghiaccio tritato. Decorare con cubetti di ananas.

Brandy Fizz
Un terzo di succo di limone; un terzo di cognac; un terzo di soda.
Scuotere con ghiaccio in cubetti nello shaker. Riempire il gotto alto e mescolare dolcemente. Servire con una cannuccia.

Brandy Gump
Un quarto di succo di limone; tre quarti di cognac; uno spruzzo di granatina; uno spruzzo di Bénédictine.
Scuotere energicamente nello shaker con ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, con ghiaccio tritato.
Brasilia
Un quarto di panna liquida; un mezzo di caffè freddo; un quarto di rum; uno spruzzo di succo di limone; mezzo cucchiaio di zucchero.
Scuotere energicamente nello shaker con ghiaccio in cubetti. Servire nel cup.

Bridge
Un mezzo di vermouth dry; un mezzo di cherry brandy; uno spruzzo di kirsch; uno spruzzo di bitter all’arancia.
Agitare vigorosamente nello shaker con ghiaccio tritato. Servire nel calice ampio, con una fetta d’arancia, una fetta di limone e tre o quattro ciliegine.

Brooklyn Frappé
Un quinto di whisky; quattro quinti di kimmel.
Preparare direttamente nel gotto basso già riempito di ghiaccio tritato, mescolando dolcemente.

Buddy
Un terzo di panna liquida; due terzi di Cointreau; due spruzzi di angostura.
Agitare nello shaker con molto ghiaccio in cubetti. Servire nel tumbler stretto, con poco ghiaccio tritato.

Bull Dog
Un ottavo di succo di limone; un ottavo di gin; tre quarti di cherry brandy.
Agitare nello shaker con ghiaccio tritato. Servire nel calice basso, con una ciliegia.

BuIl light
Un quarto di succo di limone; un quarto di rum; un mezzo di kirsch.
Agitare vigorosamente nello shaker con ghiaccio tritato. Servire nel gotto basso, con una fetta di limone e una foglia d’insalata rossa.

Burgundy Bishop
Un quinto di succo di limone; quattro quinti di rum; mezzo cucchiaio di zucchero.
Agitare nel mixer con ghiaccio in cubetti. Riempire a metà il calice ampio precedentemente raffreddato in frigorifero e aggiungere vino rosso secco. Servire con frutta di stagione.

Butterfly Lemonade
Un terzo di cherry brandy; due terzi di advocat.
Agitare nello shaker con molto ghiaccio in cubetti. Riempire a metà il tumbler ampio e aggiungere molta gazzosa ben fredda. Servire con frutta di stagione.

Cactus
Due quinti di succo di limone; un decimo di succo d’arancia; un quinto di seltz; tre decimi di tequila; tre gocce di angostura.
Agitare nello shaker con poco ghiaccio in cubetti. Servire nel tumbler ampio, con ghiaccio tritato, una fetta d’arancia e una ciliegia sotto maraschino. Aggiungere, eventualmente, una cannuccia.

Café Royal Frappé
Un terzo di caffè freddo; due terzi di cognac.
Agitare nello shaker. Servire nel gotto basso, già pieno di ghiaccio tritato.

Caipirinha
Cachaca; un cucchiaio di zucchero.
Preparare direttamente nel gotto basso in cui siano stati precedentemente spremuti con un cucchiaio due spicchi di limone, mescolando dolcemente. Servire con una ciliegia sciroppata.

Calura
Un quarto di vermouth rosso; un quarto di cherry brandy; un mezzo di cognac; tre gocce di granatina; una goccia di Bénédictine.
Agitare con ghiaccio nello shaker. Servire nel gotto basso, con una ciliegina.

Calvados
Un terzo di succo d’arancia; un terzo di triple sec; un terzo di calvados; due spruzzi di bitter all’arancia; uno spruz­zo d’angostura.
Scuotere energicamente nello shaker con molto ghiaccio in cubetti. Servire nel calice ampio, con fettine di arancia.
Calvados Fix
Un quarto di succo d’ananas; un quarto di succo di limone; un mezzo di calvados.
Scuotere nello shaker con ghiaccio in cubetti. Servire nel tumbler ampio già pieno di ghiaccio tritato, decorando con cubetti di ananas.

Campari Soda
Bitter amaro; uno spruzzo di limone.
Agitare delicatamente nel mixer con molta soda e ghiaccio. Servire nel tumbler stretto, con una scorza di limone.

Candy Bar
Un terzo di Pernod; due terzi di tequila; un cucchiaio di succo di limone.
Agitare vigorosamente nello shaker con ghiaccio in cubetti. Servire nel gotto basso, con quattro cubetti di ghiaccio e una fetta tonda di limone.

Canneto
Un quarto di succo d’arancia; un quarto di apricot brandy; un quarto di brandy; un quarto di vodka; un cucchiaio di sciroppo di amarena.
Agitare nello shaker. Servire nel calice ampio, con un po’ di seltz e una scorza d’arancia.

Caramba
Un terzo di succo di pompelmo; due terzi di tequila.
Agitare nel mixer con poco ghiaccio tritato. Servire nel calice ampio, con un cubetto di ghiaccio e una fetta di pompelmo.

Champagne Cobbler
Un sesto di curacao; cinque sesti di champagne; un cucchiaio di succo di limone.
Agitare delicatamente nel mixer con ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto già riempito a metà di ghiaccio tritato, decorando con cubetti di frutta di stagione.

Champagne Sour
Un quarto di succo di limone; tre quarti di curacao; mezzo cucchiaio di zucchero.
Agitare nel mixer con ghiaccio in cubetti. Servire riempiendo a metà il calice ampio. Aggiungere champagne ben freddo e mescolare dolcemente.

Chartreuse Double
Due tuorli d’uovo; un quarto di panna liquida; un quarto di angostura; un mezzo di Chartreuse Gialla; due cucchiai di zucchero.
Amalgamare gli ingredienti nel frullatore. Agitare nel mixer con latte. Servire nel tumbler ampio.

Cherry Fizz
Un terzo di cherry brandy; due terzi di rum; un cucchiaio di succo di limone.
Agitare nel mixer con cubetti di ghiaccio. Riempire a metà il tumbler ampio. Aggiungere soda ben fredda e mescolare dolcemente. Servire con una cannuccia.

Cherry Rickey
Un quarto di succo di limone; tre quarti di cherry brandy.
Agitare con cubetti di ghiaccio nello shaker. Servire nel gotto basso aggiungendo soda e una fetta di limone.

Chinese
Un quarto di granatina; tre quarti di rum; un cucchiaio di curacao; un cucchiaio di maraschino; uno spruzzo di angostura.
Agitare nello shaker con ghiaccio in cubetti. Servire nel gotto alto, con una ciliegina sotto maraschino.

Chocolate Daisy
Un quinto di succo di limone; due quinti di porto; due quinti di cognac; un cucchiaio di granatina.
Scuotere con cubetti di ghiaccio nello shaker. Servire nel cup con un cubetto di ghiaccio, un po’ di seltz e cubetti di frutta di stagione.

Cider Cup
Un terzo di curacao; un terzo di calvados; un terzo di cognac.
Preparare con ghiaccio in cubetti nella bowl. Servire nel cup riempiendo il bicchiere a metà, aggiungendo cedro e decorando con frutta di stagione.

Claret Cobbler
Vino rosé; un cucchiaio di succo di limone; uno spruzzo di maraschino.
Agitare delicatamente nel mixer con cubetti di ghiaccio. Servire nel calice panciuto già pieno di ghiaccio tritato e decorare con cubetti di frutta di stagione.

Claret Cup
Un terzo di maraschino; un terzo di curacao; un terzo di cognac.
Preparare, con cubetti di ghiaccio, nella bowl. Servire nel cup riempiendo il bicchiere a metà. Aggiungere vino rosso e decorare con frutta di stagione.

Coconut
Un mezzo di latte di cocco; un sesto di maraschino; un terzo di cognac; uno spruzzo di angostura.
Agitare nello shaker con ghiaccio tritato. Servire nel tumbler ampio, con una ciliegia sotto maraschino.

Coconut Cobbler
Un quinto di succo di limone; tre quinti di champagne; un quinto di crème di cacao.
Agitare con ghiaccio, delicatamente, nel mixer. Servire nel calice panciuto già pieno di ghiaccio tritato e decorare con sottili fette di noce di cocco.

Coffee Cobbler
Un mezzo di porto; un mezzo di cognac; un cucchiaio di caffè.
Agitare con cubetti di ghiaccio nello shaker. Servire nel calice panciuto già pieno a metà di ghiaccio tritato e decorare con cubetti di frutta di stagione.

Coffee Cooler
Un terzo di caffè freddo; due terzi di cognac.
Agitare con ghiaccio nello shaker. Riempire per tre quarti il gotto alto. Aggiungere soda ben fredda. Servire con qualche chicco di caffè.

Cointreau Pearl
Un terzo di succo di limone; due terzi di Cointreau.
Agitare nel mixer con ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, con una fetta d’arancia e una di limone.

Cooler Rosso
Vino rosso; un cucchiaio di succo d’arancia; un cucchiaio di zucchero.
Agitare nel mixer con ghiaccio in cubetti. Servire nel tumbler ampio, con un po’ di soda e cubetti di frutta di stagione.

Copacabana
Un terzo di succo di limone; un uovo; un terzo di Grand Marnier; un terzo di tequila; mezzo cucchiaio di zucchero.
Scuotere energicamente nello shaker. Servire nel tumbler stretto, con un cubetto di ghiaccio e una scorza di limone.

Coral Sea
Un quarto di crème di menta; tre quarti di vodka; un cucchiaio di succo di limone.
Agitare nei mixer con ghiaccio tritato. Servire nel flùte con un cubetto di ghiaccio e una foglia di menta.

Coronation
Un sesto di bitter alla pesca; un sesto di crème di menta bianca; un sesto di curacao; un mezzo di cognac.
Agitare vigorosamente nello shaker con molto ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, con un cubetto di ghiaccio e una fetta di pesca.

Countress
Un quarto di succo di limone; un quarto di rum; un mezzo di vodka; uno spruzzo di granatina.
Agitare energicamente e a lungo nello shaker, con ghiaccio in cubetti. Servire nel calice ampio, con ghiaccio tritato e una fettina di limone.

Country Club
Un quinto di succo di ananas; un quinto di maraschino; tre quinti di cognac; uno spruzzo di bitter all’arancia.
Agitare nel mixer con ghiaccio tritato. Riempire a metà il calice ampio. Aggiungere champagne ghiacciato e servire con un cubetto di ananas.

Cream Float
Crème di cacao; due cucchiai di panna liquida.
Preparare direttamente nel calice panciuto in cui già si trovino due cubetti di ghiaccio e versare gli ingredienti in modo che non si mescolino. Il bicchiere va precedentemente raffreddato nel frigorifero.

Cresta Run
Un terzo di vermouth dry; due terzi di kirsch; due cucchiai di crème di ivette.
Agitare nel mixer con ghiaccio tritato. Servire nel calice panciuto, con una scorza d’arancia.

Cuba Cooler
Un mezzo di succo di limone; un mezzo di rum.
Preparare direttamente nel tumbler ampio, in cui si trovino già cubetti di ghiaccio, mescolando con l’apposito cucchiaio. Aggiungere Coca-Cola e mescolare ancora. Servire con una scorza di limone.

Cuba Libre
Un mezzo di Coca-Cola; un mezzo di rum; un cucchiaio di succo di limone.
Agitare delicatamente, con ghiaccio in cubetti, nel mixer. Servire nel tumbler ampio, con un cubetto di ghiaccio e una scorza di limone.

Cuban Special
Un sesto di succo d’ananas; un sesto di succo di limone; due terzi di rum; uno spruzzo di curacao.
Agitare nei mixer con ghiaccio tritato. Servire nel calice ampio, con cubetti di ananas e una ciliegia.

Cuernavaca Fizz
Un terzo di succo di limone; due terzi di tequila; mezzo cucchiaio di zucchero.
Agitare nel mixer con ghiaccio in cubetti. Servire riempiendo per due terzi il tumbler ampio. Aggiungere soda ben fredda e mescolare ancora, ma dolcemente.

Daiquiri
Un quarto di succo di limone; tre quarti di rum; un cucchiaino di zucchero.
Agitare nel mixer con ghiaccio tritato. Servire nel gotto basso.

Dame Bianche
Tre quarti di vino bianco secco; un quarto di vodka.
Agitare nel mixer con molto ghiaccio in cubetti. Servire nel gotto basso, con un cubetto di ghiaccio.

Davies Cup
Un sesto di Grand Marnier; un sesto di kirsch; un sesto di curacao; un mezzo di cognac.
Preparare nella bowl con ghiaccio in cubetti. Riempire per metà il cup. Aggiungere champagne ben freddo. Servire con cubetti di frutta di stagione.

Deauville
Un quarto di succo di limone; un quarto di Cointreau; un quarto di calvados; un quarto di cognac.
Agitare a lungo nel mixer con ghiaccio in cubetti. Servire nel calice panciuto, con una lunga spirale di scorza di limone.

Delizia
Un quinto di vermouth dry; due quinti di rum; due quinti di gin; un cucchiaino di zucchero.
Agitare nel mixer con cubetti di ghiaccio. Servire nel gotto basso, con ghiaccio tritato e molto seltz.

Diana
Un mezzo di crème di menta bianca; un mezzo di cognac.
Preparare direttamente nel calice panciuto con ghiaccio tritato.

Dog’s Nose
Birra; uno spruzzo di gin.
Agitare delicatamente nel mixer. Servire nel cup.
Dolce Vita
Un quarto di succo di limone; un quarto di birra amara; un quarto di Cointreau; un quarto di vodka.
Agitare nel mixer con ghiaccio in cubetti. Riempire a metà il calice ampio. Aggiungere champagne ben freddo e servire con una ciliegina candita.

Dream 11
Un quarto di succo di pompelmo; un quarto di triple sec; un mezzo di Dubonnet.
Agitare nel mixer con ghiaccio in cubetti. Riempire a metà il calice ampio e aggiungere champagne ben freddo. Servire con una fetta di pompelmo e una scorza di limone.

Dubonnet Cooler
Dubonnet; un cucchiaio di succo di limone.
Agitare nel mixer con ghiaccio in cubetti. Servire nel tumbler ampio riempiendo a metà il bicchiere e aggiungendo seltz molto freddo. Decorare con frutta di stagione e una lunga spirale di scorza di limone.

Easter
Vino bianco secco; un cucchiaio di succo d’ananas; un cucchiaino di zucchero.
Preparare nella bowl con tre fette d’ananas tagliate in cubetti, un quarto di melone tagliato in cubetti e alcuni acini d’uva. Servire nel calice panciuto con due cubetti di ghiaccio e una scorza di limone.

East India
Un ottavo di succo di pompelmo; un ottavo di curacao; tre quarti di cognac; uno spruzzo di angostura.
Agitare nel mixer con ghiaccio tritato. Servire nel calice panciuto, con una ciliegia e una scorza di limone.

El Presidente III
Un quinto di succo di limone; un quinto di succo d’ananas; tre quinti di rum; uno spruzzo di sciroppo di lampone.
Agitare nello shaker con molto ghiaccio in cubetti. Servire nel gotto basso, con qualche lampone, una fetta di limone e un cubetto di ananas.
Emergency
Tre quarti di gelato di crema; un quarto di cognac.
Agitare vigorosamente e a lungo nello shaker. Servire nel calice panciuto.

English Highball
Un quinto di vermouth rosso; un quinto di gin; tre quinti di cognac.
Preparare direttamente nel tumbler ampio in cui già si trovino cubetti di ghiaccio, mescolando con l’apposito cucchiaino; aggiungere soda e mescolare ancora, ma dolcemente. Servire con una scorza di limone.

Estate
Un terzo di granatina; un terzo di succo di limone; un terzo di rum.
Agitare nello shaker con ghiaccio tritato. Servire nel gotto basso, con mezza ciliegina candita.
Estate Tropicale
Un quinto di succo d’arancia; un quinto di succo di pompelmo; un quinto di succo d’ananas; due quinti di rum.
Scuotere nello shaker con ghiaccio in cubetti. Servire nel calice ampio, con fettina d’arancia, di pompelmo e di ananas, oltre a una foglia d’insalata verde.

 

 

 

 


SITI DI INFORMAZIONI UTILI

 

magen GIF, 600 × 600 píxeles)

ALCOLISTI ANONIMI ITALIA
Via Torre Rossa, 35
00165-Roma
SERVIZI GENERALI ITALIA:
Telefono. 06 66 36 629
Numero Verde 800411406 (chiamata gratuita)
Fax.. +39 06 66 28 334
E-mail:  aaitaly@tin.it
sito web: http://www.alcolistianonimiitalia.it

http://www.alcolistianonimiitalia.it/Contatti.html

http://www.aci.it/laci/sicurezza-stradale/alcool-e-guida/cosa-dice-la-legge.html

http://www.aci.it/laci/sicurezza-stradale/alcool-e-guida/cosa-ce-da-sapere.html

 


 

 

Creative CommonsAttribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT)   Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT)


 

 

 

 

天ぷら Tempura Japón 天麩羅 天婦羅

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

 

Origen: 天ぷら Tempura Japón 天麩羅 天婦羅

Clasificación de las diferentes gama de productos alimentarios.

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Esta guiá técnica pretende ser una ayuda sumaria, de las diferente gama de productos alimentarios y de su conservación optima en cocina.

PDF Clasificación de las diferentes gama de productos alimentarios

 

Origen: Clasificación de las diferentes gama de productos alimentarios.

Cocktail Repertorio Di Ricette Italiano

Cocktail Repertorio Di Ricette Italiano, Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Cocktail Repertorio Di Ricette Italiano

Origen: Cocktail Repertorio Di Ricette Italiano

Tarta flamenca

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

 

Origen: Tarta flamenca

Potel et Chabot, l’irrésistible ascension d’un traiteur de luxe

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

c3adndicemm

Le leader des réceptions de prestige s’implante en Chine. Rencontre avec son chef. Par Marie-Christine Morosi Publié le 09/05/2013 à 00:00 | Le Point Rue de Chaillot à Paris, rien ne laisse d…

Origen: Potel et Chabot, l’irrésistible ascension d’un traiteur de luxe


Dîner des Grands Chefs Versailles 2011…. Potel & Chabot en première ligne

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante


09 avr 2011 Servir une multitude de couverts, au bout du monde ou dans des conditions les plus périlleuses, ce n’est pas un problème pour le traiteur Potel & Chabot, qui a pour habitude de couv…

Origen: Dîner des Grands Chefs Versailles 2011…. Potel & Chabot en première ligne

Ajo Negro Black Garlic Ail Noir (L’ail noir d’Aomori)

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

El ajo negro es un “concentrado de sabores” desprovisto del olor y gusto persistente, y penetrante de los ajo frescos, es una preparación de origen Asiática.

Origen: Ajo Negro Black Garlic Ail Noir (L’ail noir d’Aomori)

PDF Ajo Negro Black Garlic Ail Noir (L’ail noir d’Aomori) 1

https://es.wikipedia.org/wiki/Ajo_negro_%28alimento%29

Mee Goreng fideos a la manera India

Cooking, Cuisine, Dining, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Los fideos mee goreng de esta receta son servidos por vendedores ambulantes de la India en Malasia. Source: Mee Goreng fideos a la manera India

Origen: Mee Goreng fideos a la manera India

PDF Mee Goreng fideos a la manera India

Restaurante A Pescaria perla secreta de los lisboetas.

Cooking, Cuisine, Dining, Dining, Gastronomia, Gastronomy, Restaurant, Restaurante, Ristorante, Dining, Food, Gastronomia, Gastronomy, Refeçoes, Cuisine, Recetas, Food, Gastronomía, gastronomy, Kitchen, Recetas, Recipes, Refeçoes, Restaurant, Restaurante, Ristorante

Cooking

lisbon-ferry-3

Se cuenta por Lisboa que hay 365 recetas de bacalao, una por cada día del año los frutos del mar, mariscos al igual que el pescado son protagonista de la gastronomía Portuguesay el RestauranteA Pescaria es parte de esta tradición perla secreta de los lisboetas conocido y apreciado por los amante de productos frescos y auténticos.

a-pescaria-sala-d7c8eCon su cocina tradicional portuguesa A Pescaria es un Restaurante arraigado en la historia de Cais do Sodré y uno de los mejores lugares para comer pescado fresco por no decir el mejor de Lisboa.

LISBOA, Cais do SodréCon la constancia y perseverancia de su pasión la Restauradora Dona Fátima Ferreria a hecho del restaurante A Pescaria es un lugar afamado y apreciado de ilustres personajes de la vida publica Portuguesa y conocido mas allá de las fronteras por su cocina.